Roma, quattro calciatori in missione per Dzeko | La risposta di Fonseca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14

Roma, quattro calciatori ieri hanno cercato la mediazione tra il tecnico e l’attaccante: ma al momento la risposta è negativa. 

ROMA
Fonseca e Dzeko, fallito il primo tentativo di mediazione (Getty Images)

Pellegrini, Mirante, Cristante e Mancini: sono i nomi dei quattro moschettieri che hanno cercato la mediazione – al momento non andata a buone fine – tra Paulo Fonseca ed Edin Dzeko. L’indiscrezione è riportata da “Il Messaggero” questa mattina, che entra nei dettagli della vicenda. Soprattutto dopo la giornata di ieri. Che può essere decisiva per il futuro.

Si legge infatti che Dzeko, arrivato puntuale a Trigoria, abbia chiesto allo staff tecnico di lavorare con la squadra, visto che si sentiva bene. Ma da parte del tecnico portoghese, dopo un po’, è arrivata la risposta: negativa. L’allenatore preferiva farlo allenare a parte. Una versione questa che la Roma ha smentito, confermando che il bosniaco sta ancora smaltendo la contusione patita contro lo Spezia. Poi però si è anche parlato di un fastidio al flessore. La sostanza non cambia.

LEGGI ANCHE: Roma, ascoltate le richieste dei calciatori: il reintegro ora è possibile

Roma, fallita la prima mediazione

fonseca pellegrini
Pellegrini e Fonseca @getty images

In tutto questo si è aggiunta la mediazione del nuovo capitano, supportato da altri tre compagni. Fallita, per il momento. Fonseca vuole le scuse di Dzeko e non farà un passo indietro. Ormai è chiara la linea del tecnico portoghese in questo momento.

Avallata anche dal fatto che la società non ha preso nessuna posizione in questa vicenda. Almeno davanti all’opinione pubblica: conferma che l’attaccante non sta bene fisicamente e che non è pronto per lavorare con la squadra. E ovviamente non sarà pronto nemmeno contro il Verona, nonostante le probabili assenze di Pedro e Mkhitaryan mantengono la Roma in piena emergenza nel reparto offensivo. L’attacco titolare smantellato tra infortuni e mal di pancia. L’attesa però per capire il futuro sta per finire. Entro il primo febbraio tutto dovrà essere risolto. O via, o tentativo, il secondo, di mediazione da parte dei quattro moschettieri. Sperando che questo vada a buon fine.