Roma, bordata sul futuro di Zaniolo: “Rischia di finire come Balotelli”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:29

Roma, nonostante sia infortunato da tempo, Zaniolo è sempre al centro delle attenzioni anche non per questioni di campo. Stavolta a parlarne in un’intervista è stato Pellissier che lo ha messo in guardia.

Roma
Zaniolo (Getty Images)

Superato un altro ostacolo, la positività al coronavirus, Nicolò Zaniolo non vede l’ora di tornare in campo. Per rispondere alle tante critiche e agli attacchi ricevuti anche per questioni non legate al campo da gioco. Di sicuro la fortuna non è stata dalla sua parte negli ultimi due anni. Due gravi infortuni che non gli hanno permesso di esprimere il suo immenso talento.

E ora c’è chi si interroga proprio sul suo futuro rendimento. Tornerà quello di prima o no? Già in tanti inoltre hanno sottolineato alcuni suoi comportamenti al di fuori dal campo che potrebbero comprometterne la carriera. A questi si è aggiunto da ieri anche Sergio Pellissier. In un’intervista rilasciata al sito internet “90.com”, è stato molto schietto sul possibile futuro di Zaniolo. Facendo anche un paragone che ai tifosi della Roma, sempre pronti a difendere il loro campione, non farà di certo piacere.

LEGGI ANCHE: Roma, Petrachi vince il ricorso contro la società: ingiusto il licenziamento

LEGGI ANCHE: Roma, Pedro non usa mezze parole | La risposta su Fonseca

Roma, Pellissier mette in guardia Zaniolo

Roma
Zaniolo (getty images )

Pellissier, ex attaccante del Chievo, ha parlato così di Zaniolo, ammettendo prima di tutto che tra i giovani italiani è tra quelli che gli piacciono di più: “Zaniolo che ha tanta qualità, però se un giovane ha subito tutte queste pressioni e tutte queste attenzioni, corre il rischio di non avere più ambizioni ancora prima di cominciare la carriera e questo può diventare un problema. Balotelli ne è stato l’esempio. Nonostante le indubbie e grandissime qualità, le troppe pressioni non gli hanno permesso di fare bene come avrebbe potuto. O si fa una grandissima carriera come Totti, oppure si finisce per pagare tutte le troppe attenzioni”.