Bryan Reynolds non è a Roma ma negli States | Ecco il motivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37
Juventus-Roma
Reynolds

Come annunciato in conferenza stampa da Paulo Fonseca, piccolo problema burocratico per l’ultimo arrivato in casa Roma, ovvero Bryan Reynolds. Il terzino destro classe 2001, prelevato dal Dallas FC in prestito con obbligo di riscatto fissato a 7,5 milioni di euro, è dovuto tornare negli Stati Uniti per risolvere alcuni dettagli burocratici legati al visto che gli permetterà di rimanere a lungo nella capitale. Come riportato dall’edizione online de ‘Il Corriere dello Sport’, il ragazzo già domani, o al massimo nei prossimi giorni, potrebbe essere a Roma.

LEGGI ANCHE: Benevento-Roma, i convocati di Fonseca | Si rivede Juan Jesus

LEGGI ANCHE: Milan, nuova tegola per Stefano Pioli: salta anche la Roma

Roma, condizioni Bryan Reynolds

La condizione fisica di Reynolds non è comunque delle migliori, visto che il giocatore non gioca dal 2 dicembre 2020, ultima gara dei Dallas nei playoff contro i Seattle Sounders. Dovrà proseguire, come indicato dallo stesso tecnico portoghese, un programma di allenamento personalizzato fino a che non troverà la condizioni fisica necessaria per poter essere a disposizione e a lavorare con i suoi nuovi compagni, con i quali non ha avuto ancora modo di intensificare la conoscenza. Sulla corsia di destra per Reynolds saranno importanti questi mesi per l’ambientamento con il calcio italiano, visto che quasi sicuramente oltre allo svincolato Bruno Peres, scadenza di contratto a fine stagione, anche Davide Santon sarà fuori dai piani tecnici. Per quest’ultimo tanti problemi fisici nell’ultima stagione.