Roma, nuovo stadio all’inglese: venerdì l’incontro | Dove può sorgere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

Roma, i Friedkin si stanno già muovendo per il nuovo stadio. Sarà all’inglese e il progetto dovrebbe essere pronto entro il 2021.

Ippodromo di Tor di Valle (Getty Images)

Dopo la decisione di abbandonare Tor di Valle, la Roma è già a lavoro per il nuovo stadio. E venerdì ci dovrebbe essere il primo incontro tra Fienga, Scalera e l’amministrazione capitolina. Tema: individuare principalmente la nuova area dove costruire l’impianto. Che sarà – come riporta questa mattina Il Messaggero – all’inglese, con al massimo 45mila posti a sedere.

I tempi dovrebbero essere “ristretti” per un’opera del genere. Si parla che entro il 2021 verrà presentato il progetto e poi, nel giro di quattro anni, la Roma potrebbe mettere piede all’interno della struttura per il primo calcio d’inizio. Friedkin bada al concreto. Deve costruire lo stadio senza altri voli pindarici come uffici e tutto il resto.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, ritorno di fiamma del Milan | Prove di scambio

LEGGI ANCHE: Stadio della Roma, UFFICIALE: decisione clamorosa del Club

Roma, le aree interessate alla costruzione

Lazio-roma
Lo stadio Flaminio, difficile il suo recupero (getty images)

E iniziano già a circolare le prime indiscrezioni sulle aree che la Roma sta valutando per la costruzione del nuovo impianto. Una zona bel collegata, comoda da raggiungere per i tifosi, in un quartiere ad alta densità romanista. Per questo si parla dell’Ostiense, vicino al scheletro dell’ex Gazometro, a metà tra Testaccio e Garbatella. Si parla anche di un’area sulla Togliatti ma ci sarebbe anche l’ipotesi Fiumicino. Che però non convince: i Friedkin vogliono lo stadio in città.

Difficile il recupero del Flaminio, che era un’opzione suggestiva. Troppi vincoli e la Raggi, a quanto sembra, non può fornire garanzie che qualcuno venga tolto. L’altra cosa certa è che si cercherà una zona facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Le cifre? Intorno ai 3-400 milioni di euro.