Commissioni procuratori, solo la Juve spende più della Roma | Le cifre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:58

Commissioni procuratori, solamente la società piemontese spende più dei giallorossi. Le cifre del 2020 dei vari club di serie A

Calciomercato Roma
Dan Friedkin (Getty Images)

C’è da dire che rispetto al 2019 le commissioni ai procuratori hanno subito un calo. A livello di cifre si parla del 26% in meno. Rimangono però numeri alti. E solamente la Juventus, l’anno scorso, sotto questa voce, ha speso più della Roma. I procuratori, sempre più potenti con Raiola e Mendes in testa, muovono il calciomercato. E lo fanno sapendo di poterci guadagnare sempre un bel gruzzoletto.

Nel dettaglio la squadra di Agnelli ha versato nelle tasche degli uomini del mercato 21 milioni di euro – secondo la lista diramata dalla Lega di Serie A – e la Roma, poco meno: 19 milioni sono finiti ai procuratori. Nel complesso, nel 2020, sono stati spesi 138 milioni. L’anno precedente erano stati 187. La pandemia ha colpito anche le entrate di chi, ogni anno, cerca di piazzare i propri assistiti lucrando in maniera importante sul mercato.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, ingaggio shock per Aguero: il borsino

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, tra infortunio e rinnovo: futuro in bilico

Commissioni procuratori, le cifre

Calciomercato Roma, erede Dzeko | Il bomber lo porta Mendes
Jorge Mendes ©Getty Images

Il taglio netto, però, la Juventus ce l’ha avuto. Nel 2019 aveva speso 44,3 milioni. Anche la Roma in piccola parte (erano 23). Rispetto a queste due società, le altre big del massimo campionato hanno delle cifre un po’ più contenute. Il Milan ha versato 14,3 milioni, l’Inter 9, il Napoli 12 e l’Atalanta 6. Tra queste, la Lazio, è quella che ha speso meno: 5,5 sono i milioni che ha versato Lotito.

Una situazione che ormai tiene banco da diverso tempo. Molto se ne parla, e poco si fa per cercare di limare questi costi. Certo, è emblematico in questo senso il momento che sta vivendo la Roma con il rinnovo di Mkhitaryan. L’armeno vorrebbe restare, ma Raiola, risentito, sta tirando il freno a mano nonostante Pinto abbia già esercitato l’opzione rinnovo.