Italia, focolaio ancora attivo| Altri due giocatori positivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:53

Focolaio nella Nazionale italiana: dopo i casi delle ultime settimane spuntano altri due nuovi positivi al Covid

Salvatore Sirigu (Getty Images)

Sono terminati gli impegni delle Nazionali, e la Serie A è tornata nuovamente in campo. Le emozioni e i risultati a sorpresa non sono certamente mancati, come le ripercussioni per le energie spese e non solo. Proprio dopo l’ultima partita in casa della Lituania, vinta dagli azzurri per 0-1 grazie al gol di Sensi, arrivano le brutte notizie. Infatti nel ritorno in Italia vengono comunicate le positività al Covid di quattro membri dello staff azzurro.

Poco dopo Leonardo Bonucci è il primo dei giocatori della Nazionale ad essere contagiato. Si uniscono poi alla lista anche Alessandro Florenzi e Vincenzo Grifo, ma i guai non finiscono qui. Infatti proprio oggi altri due membri della squadra azzurra sono risultati postivi al Covid.

Leggi anche >>> Verso Ajax-Roma, le ultime sui lancieri | Parla ten Hag

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, il PSG apre alla cessione | Possibile ritorno in Italia

Italia, si allarga il focolaio: anche Cragno e Sirigu positivi al Covid

Alessio Cragno (Getty Images)

Il focolaio che si è creato in Italia continua ad allargarsi. Infatti nella Nazionale azzurra si è creato un cluster di Covid in cui oltre ai quattro membri dello staff di Roberto Mancini, a risultare positivi sono altri cinque giocatori in totale.

Ha aperto le danze Leonardo Bonucci, difensore della Juventus, contagiato dopo un giorno dal rientro a Torino. Poi hanno seguito anche Alessandro Florenzi del PSG e Vincenzo Grifo del Fribugo. Infine oggi arriva anche la notizia della positività di Salvatore Sirigu e Alessio Cragno, secondo e terzo portiere degli azzurri. Una situazione davvero delicata perché anche dopo giorni dall’ultimo impegno della Nazionale continuano a spuntare nuovi positivi, cosa che ovviamente preoccupa i club che hanno visto tornare i propri giocatori da Coverciano. La paura di nuovi focolai nelle squadre dunque continua ad aumentare e non si può escludere che spuntino altri contagiati.