Roma-Ajax, la probabile formazione giallorossa: Fonseca ha deciso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32

Roma-Ajax, la probabile formazione giallorossa in vista della notte europea. La più importante, fino al momento, della stagione

Roma
Ten Hag @getty images

Ieri Fonseca è chiaramente riuscito nel suo intento. Vincere tenendo a riposo chi, giovedì, sarà in campo dal primo minuto contro l’Ajax, nella notte più importante della stagione fino al momento. Il tecnico portoghese è pronto adesso a cambiare molto. Anche se ci sono delle zone di campo – dicesi difesa – dove le scelte sono fatte per via della continua emergenza.

E allora partiamo da dietro, dove in porta tornerà Pau Lopez che ha lasciato il campo a Mirante contro il Bologna “regalando” il debutto nel 2021 al secondo portiere della Roma. Mancini, Cristante e Ibanez formeranno il pacchetto arretrato. E dubbi non ce ne sono nemmeno per gli esterni. Spinazzola e Bruno Peres sono out, quindi spazio a Karsdorp e Calafiori. Con Santon sullo sfondo pronto, se serve, ad entrare a gara in corso.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, inserimento Milan: scambio per l’attaccante

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, nessuna nostalgia: “Mi trovo bene qui”

Roma-Ajax, le scelte di Fonseca

Ranking Uefa, la Roma vola | Ennesimo sorpasso
Pellegrini e Mancini ©Getty Images

In mezzo al campo, al fianco di Jordan Veretout, ci sarà Diawara, che in questo momento ha scalzato Villar nelle gerarchie del portoghese, spiega il Corriere dello Sport. Serve sicuramente contro i Lancieri un elemento fisico, anche perché, il risultato vantaggioso conquistato in Olanda, permette ai giallorossi di giocare su due risultati su tre a disposizione.

Scelte fatte anche in attacco: Dzeko tornerà dal primo minuto. Serve, eccome, la sua esperienza e la sua forza fisica. E anche i posti alle sue spalle sono assegnati. Giocheranno Pellegrini e Pedro. Lo spagnolo sarà in campo dall’inizio e poi si alternerà con Mkhitaryan, che ieri ha riassaporato il campo dopo l’infortunio. L’armeno si allenerà con la squadra da oggi. Ma è ancora troppo presto per lanciarlo in campo dal primo minuto. Anche se potrebbe essere una soluzione.