Roma-Ajax, è la notte della svolta: anche per le casse societarie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38

Roma-Ajax, è la notte della svolta per i giallorossi. Non solo per il risultato del campo ma anche per le casse societarie

Roma-Ajax
Dan e Ryan Friedkin ©Getty Images

Non ci sono dubbi che quella di stasera è una partita attesa. Ed è diversa dalle altre. E anche se l’Olimpico sarà desolatamente deserto, i cuori giallorossi batteranno forte. Eccome se lo faranno. Può essere una notte importante. Non storica, perché solamente tre anni fa i giallorossi si giocavano la semifinale di Champions. Ma è da cuori forti.

E senza dubbio può essere la notte della svolta, sia sotto il profilo sportivo che economico. Fonseca questo lo sa bene, e ieri sera – racconta la Gazzetta dello Sport – ha deciso di far cenare la squadra a Trigoria. E i giallorossi hanno dormito anche al Fulvio Bernardini. Non per una mancanza di fiducia del tecnico. Ma perché lo stesso ha voluto tenere unito un gruppo in una sera speciale. C’è da prendersi il Manchester United, che ha la qualificazione in tasca.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, bomba Allegri | “Ecco la risposta ufficiale”

LEGGI ANCHE: Roma-Ajax, i convocati di Fonseca | Sorpresa nella lista

Roma-Ajax, ballano 80 milioni di euro

voti ajax roma
L’esultanza nella gara d’andata @getty images

Poi c’è l’aspetto economico. Non meno importante per i Friedkin che hanno ereditato da Pallotta un buco non indifferente. Prendersi l’Europa League – con la conseguente qualificazione Champions – potrebbe garantire alle casse giallorosse almeno 80 milioni di euro. Una pura boccata d’ossigeno. In un momento in cui, per le restrizioni Covid, gli introiti sono sensibilmente calati.

E, infine, anche per la proprietà americana, sarà una notte speciale. Che solamente otto mesi dopo il suo arrivo nella Capitale, potrebbe giocarsi una semifinale europea. I Friedkin saranno all’Olimpico – salvo colpi di scena o impegni dell’ultimo minuto – per godersi una partita che può segnare la svolta della stagione. Una serata da cuori forti come detto. Con i tifosi che “spingeranno” da casa Pellegrini e soci. Certo, con l’Olimpico pieno, l’Ajax stasera avrebbe fatto molta meno paura.