Spezia-Roma, il report da Trigoria: Fonseca saluta con la solita emergenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

Spezia-Roma, a due giorni dalla gara che chiuderà la stagione, il report da Trigoria fa salutare Fonseca con la solita emergenza

Spezia-Roma
Pellegrini (getty images)

Una compagna di viaggio per tutta la stagione: l’emergenza infortuni. E non poteva che essere così anche nell’ultima gara di campionato, quella che domenica vedrà la Roma impegnata sul campo dello Spezia. Una squadra che quasi fatto chiudere in maniera anticipata l’esperienza di Paulo Fonseca sulla panchina della Roma. Sembra passata una vita, ma era solamente gennaio quando dopo il pasticcio in Coppa Italia, l’avventura del tecnico portoghese sembrava essere conclusa.

Sono passati dei mesi, e alla fine Fonseca saluterà comunque. Ma vuole lasciare la sua ex squadra almeno con una qualificazione alla prossima Conference League. E, per farlo, ha bisogno di una vittoria sul campo della formazione ligure che, la scorsa settimana, ha festeggiato la matematica salvezza. Le motivazioni dovrebbero fare la differenza. Ma il portoghese è sempre e perennemente in emergenza.

LEGGI ANCHE: Roma, effetto Mourinho: tutti i ruoli per Francesco Totti

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, svelata l’offerta “folle” per Buffon

Spezia-Roma, gli assenti giallorossi

Ebrima Darboe
Ebrima Darboe, la Roma punta sui giovani ©Getty Images

Anche oggi hanno lavorato a parte Veretout, Spinazzola, Smalling, Calafiori, Carles Perez, Pellegrini e Ibanez. Un po’ di allenamento in gruppo invece per Diawara, anche se difficilmente verrà mandato in campo. Sono otto quindi gli assenti per Fonseca – impossibile al momento recuperare qualcuno – costretto a fare ancora una volta di necessità virtù per chiudere al meglio. Ma la sfortuna che ha attanagliato il portoghese dall’inizio del campionato è incredibile.

Dubbi di formazione, ballottaggi, possibilità di scelta: non ci sarà niente del genere domenica. La Roma è quasi disegnata e Fonseca potrebbe addirittura annunciare la formazione domani durante la conferenza stampa. Anche perché è quasi impossibile sbagliarla. A meno che non decida di lanciare qualche altro giovane della Primavera dall’inizio. Ecco, l’unica variabile potrebbe essere questa.