Calciomercato Roma, via a zero | Derby di Milano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41

Calciomercato Roma, in vista ci potrebbe essere la rescissione, e ci sarebbero già pronte le milanesi a prenderlo. Mou non s’è fatto sentire

Calciomercato Roma
Mourinho (getty images)

Mourinho ancora non l’ha chiamato. Sicuramente ha altri pensieri in testa. Intanto, però, il suo futuro è ancora tutto da decidere. Perché, di schiarite, al momento, non ce ne sono state. Nelle ultime ore, però, sembrerebbe ci sia la convinzione, da parte della Roma, e per via del suo alto stipendio che pesa ancora troppo, di liberarlo a zero. Con un derby di Milano all’orizzonte.

Lucci, procuratore di Edin Dzeko, e nemmeno l’attaccante stesso, avrebbero sentito il tecnico portoghese da quando lo stesso è diventato l’allenatore della Roma. A svelare il retroscena è Alessandro Jacobone di Radio Rossonera, che sottolinea come sia il Milan, che l’Inter, potrebbero essere tentate dall’affare a parametro zero. Perché più passa il tempo e più questa ipotesi non è scartare.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, nuovo rinforzo per l’attacco | Costa 25 milioni

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, secco rifiuto del giocatore | Ecco il motivo

Calciomercato Roma, su Dzeko ancora nessuna novità

Edin Dzeko
Dzeko ©Getty Images

In effetti, sull’attaccante bosniaco, nessuno al momento ha fatto trapelare nulla. Eppure, Dzeko, ha ancora un altro anno di contratto a 7,5 milioni di euro a stagione. Una cifra che la Roma vorrebbe risparmiare magari puntando tutto su Belotti che è l’obiettivo numero 1 per l’attacco. Il primo affondo giallorosso non ha dato i frutti sperati. Ieri, Cairo, ha ribadito il concetto, ritenendo l’offerta di Tiago Pinto di 15 milioni “provocatoria”.

I giallorossi puntano comunque il Gallo. Convinti che nel sistema di gioco che probabilmente verrà adottato da Mourinho (difficile pensare a qualcosa di diverso dal 4-2-3-1), possa essere l’uomo giusto al posto giusto. Anche Dzeko, come caratteristiche, non sarebbe sicuramente da scartare. Ma ci sono sempre quei 7,5 milioni di euro in mezzo…troppi.