Calciomercato Roma, è l’Abraham day | Ferragosto con il bomber

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:40

Calciomercato Roma, è l’Abraham day: la missione inglese di Pinto ha dato i frutti sperati. L’attaccante oggi in città per visite e firma

Tammy Abraham ©Getty Images

La missione inglese di Tiago Pinto ha dato i frutti sperati. Oggi è l’Abraham day. Il Ferragosto con il bomber: potrebbe essere il titolo di un film, invece è, finalmente anche, la fine di una trattativa che ha visto Tiago Pinto muoversi in prima persona volando nella Capitale inglese per regalare a Mourinho l’attaccante sperato. Quello che va a sostituire Edin Dzeko che da ieri sera è ufficialmente un calciatore dell’Inter.

La sensazione è che tutte le cose ormai erano a posto, si è avuta nel momento in cui il nuovo centravanti giallorosso non è sceso nemmeno un minuto in campo nell’esordio in campionato del Chelsea. E poi è stato beccato, alla fine della gara di Stamford Bridge, con una valigia piena: pronto alla partenza. Da lì è iniziato il conto alla rovescia per l’ufficialità. Che dovrebbe arrivare questa sera.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma | Abraham arriva subito: la cifra è pazzesca

Calciomercato Roma, Abraham day: stasera la firma

Jose Mourinho ©Getty Images

Le visite mediche sono state fissate per oggi. Abraham alle 14 sarà a Villa Stuart per i controlli di rito che, più o meno, dovrebbero durare tre ore. Poi firma sul contratto che lo legherà al giallorosso. E nei prossimi giorni verrà presentato alla stampa. Le condizioni fisiche dovrebbero essere già buone, visto che ha preso parte a tutta la preparazione precampionato con il Chelsea. Quindi, già giovedì, in Europa League, potrebbe esserci il debutto ufficiale con Mourinho. Che adesso può sorridere.

Colpo grosso quindi di Pinto, che rientra dall’Inghilterra insieme all’attaccante. Quello che dovrà garantire i gol. E che non dovrà far rimpiangere Dzeko. La Roma quindi, chiuso l’affare più importante, dovrebbe puntare adesso a piazzare qualche colpo in uscita. Ed è sicuramente questo il compito più difficile del general manager portoghese.