Roma, la classifica CIES parla chiaro | Enorme divario con la Lazio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29

Roma, la classifica del CIES parla chiaro e mette in evidenzia il divario con la Lazio: “doppiaggio” effettuato.

Jose Mourinho
Jose Mourinho ©Getty Images

La Lazio non c’è. Nemmeno nei primi 20 club europei. Dove invece appare la Roma: che è al sedicesimo posto della classifica come valore della rosa che ogni anno il Cies pubblica alla fine del calciomercato. Davanti ci sono le big, quelle che hanno speso miliardi di euro per costruire la propria squadra. Ma quello che viene fuori è che in questa speciale classifica la società biancoceleste non si vede. Bene, normale. Anche perché in questa sessione di mercato la Roma ha fatto le cose per bene, cercando di regalare a Mourinho quei calciatori che servono e che sono congeniali al gioco dello Special One. Merito di Tiago Pinto, che è riuscito quasi a chiudere quasi tutti gli obiettivi. Quello mancato è ovviamente il centrocampista: l’unico rimpianto. Ma vabbè, ci sarà modo e tempo, per riuscire a colmare il buco.

LEGGI ANCHE: Roma, arriva la benedizione di Ronaldo | “Uno dei più grandi”

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, Mourinho tagliato fuori | Va via con lo scambio

Roma, ecco la classifica del Cies

Calciomercato Roma
Tiago Pinto

A livello europeo la società giallorossa è al sedicesimo posto, come già detto. Mentre, in Italia, i giallorossi sono sul podio con dietro a Juventus e Napoli. E la Lazio? E la Lazio non si vede, o quasi. Visto che in Italia è solamente settima alle spalle di Milan, Inter e anche Atalanta. Un motivo in più questo per dare i giusti meriti al general manager portoghese, che ha fatto sicuramente un lavoro importante in questo calciomercato.

Ora però è il momento anche di lasciarsela alle spalle anche nella classifica reale. Perché la Roma ha bisogno di qualcosa d’importante per la stagione. Mourinho è sinonimo di garanzia, di concretezza, di voglia di arrivare al risultato. Obiettivo qualificazione in Champions League quindi, almeno minimo. Perché è giusto tornare a sognare.