Calciomercato Roma, grana esuberi | Le ultime speranze

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:39

Calciomercato Roma, questa la situazione esuberi al 9 settembre, dopo più di tre mesi di arduo operato firmato Pinto.

Tiago Pinto © Asromalive.it

Il gm capitolino ha provato in ogni modo ad accontentare il mister connazionale, vendendo al contempo incontro alle esigenza del club dei Friedkin, provando a chiudere colpi che garantissero respiro alle casse del club.

Il mancato approdo a centrocampo è da additare proprio alla non sortita dei rami secchi ancora presenti a Trigoria. Dopo essere riuscito a piazzare numerosi elementi tra giugno e luglio, senza dimenticare di Pedro e Florenzi ad agosto, l’ex Benfica si è scontrato con le volontà di Nzonzi, Fazio e Santon.

Questi tre non hanno mai dimostrato grande collaborazione e, al momento, si trovano a Trigoria, costretti ad allenarsi in disparte e consapevoli di non poter rientrare nei piani dello Special One. La speranza che lascino la città diminuisce col passare dei giorni ma non sono da escludersi novità nelle prossime ore.

Leggi anche –> Calciomercato Roma, no al rinnovo | Mou fiuta l’affare

Calciomercato Roma, ennesimo stallo per Nzonzi: Fazio e Santon in Qatar?

fazio genoa
Federico Fazio © Getty Images

La possibilità di salutare Nzonzi negli scorsi giorni era apparsa molto concreta, essendo il francese stato ricercato dall’Al Rayyan, allenato dal connazionale ed esperto Laurent Blanc. L’accordo non è stato trovato a causa della divergenza tra domanda e offerta tra l’entourage del giocatore e il club di Doha.

Stando  a “Il Corriere dello Sport“, la trattativa è congelata ma il fatto che in Qatar il mercato chiuda il 30 settembre sembra dare speranza ad una piazza ormai esausta per questa situazione. Cristallizzate anche le situazioni di Santon e Fazio, sempre più destinati a restare nella Capitale fino a scadenza contratto, salvo clamorose offerte che ne soddisfino le richieste.

Oltre a quella qatariota, la campagna acquisti è infatti ancora attiva in Messico e Arabia Saudita.