Roma, le ultime da Trigoria | Recupero importante per il Sassuolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:34

Roma, arrivano buone notizie dal centro di allenamento Fulvio Bernardini. Dovrebbe essere convocato senza problemi per la gara di domenica.

Josè Mourinho ©Getty Images

Dopo le non poche preoccupazioni susseguitesi nelle ultime due settimane, i giallorossi possono ora tirare un sospiro di sollievo. La pausa delle Nazionali ha sempre rappresentato un vero e proprio tabù per i capitolini, spesso costretti a rinunciare ad importanti pedine dello scacchiere a causa degli infortuni rimediati dai propri tesserati in queste occasioni.

Non si dimentichi del terribile infortunio rimediato da Nicolò Zaniolo un anno fa, arrivato proprio dopo un lungo calvario legato alla prima frattura al ginocchio. Ma si pensi anche a Lorenzo Pellegrini che proprio in Nazionale ha accusato una problematica al flessore che gli ha impedito di disputare allo scorso Europeo.

In questi 14 giorni, i giallorossi hanno temuto soprattutto per i due su citati, oltre che per Gianluca Mancini e Matias Vina. Quest’ultimo aveva lasciato il campo anzitempo, in occasione della sfida con il Perù. L’ex Atalanta è invece rientrato nella Capitale con una settimana di anticipo per una problematica al piede che potrebbe causargli il forfait dopodomani.

LEGGI ANCHE: Roma, Vina regolarmente in campo con l’Uruguay | Il piano di Mourinho

Roma, le condizioni di Zaniolo non preoccupano: si è allenato in gruppo

Roma
Nicolò Zaniolo ©GettyImages

Starà a Mourinho sciogliere gli ultimi dubbi prima di ponderare la decisione definitiva sugli elementi da schierare in campo in occasione della terza gara di campionato, in programma domenica 12 settembre alle 20.45.

Intanto, stando a quanto riferito da Retesport, non dovrebbero destare grande preoccupazione le condizioni di Nicolò Zaniolo, che ha rimediato una contusione alla coscia nei giorni successivi alla gara con la Svizzera.

L’ex Inter si è regolarmente allenato con il gruppo e sarà sicuramente convocato per dopodomani. Allo Special One, poi, la scelta di preferirgli Perez o concedergli una maglia da titolare per affrontare quella squadra contro la quale ebbe inizio la sua ascesa a Roma nella sera di Santo Stefano di due anni fa.