Calciomercato Roma, affare sul gong | Pinto costretto a guardare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:08

Calciomercato Roma, sarebbero in queste ore emerse importanti novità relative al trasferimento last minute dell’estate.

Calciomercato Roma
Tiago Pinto © Asromalive.it

Abbiamo in questi mesi raccontatovi come il gm capitolino si sia costantemente mosso su numerosi fronti per adempiere nel migliore dei modi al proprio incarico. La finalità era quella di aiutare il club a rialzarsi da un punto di vista economico e, al contempo, consegnare a Mourinho una rosa che fosse degna del suo nome.

Il secondo compito è riuscito quasi totalmente all’ex Benfica, dopo aver portato nella Capitale quasi tutti gli elementi richiesti dallo Special One. L’avverbio è purtroppo d’obbligo, dal momento che la buona campagna acquisti non è stata chiosata con l’approdo del tanto anelato e seguito centrocampista.

Per più di un mese, a Trigoria sono state seguite le tracce di Granit Xhaka che ha alla fine rinnovato con l’Arsenal. Questo, dopo aver capito come fosse utopistico arrivare ad un accordo tra i giallorossi e gli anglosassoni.

LEGGI ANCHE >>> Roma, c’è il candidato alla maglia numero 10 | La benedizione di Totti

Calciomercato Roma, i retroscena della trattativa del Napoli per Anguissa

Calciomercato Roma
Zambo Anguissa ©GettyImages

Sfumato l’elvetico, sono stati monitorati numerosi profili. Alla fine, non si è registrato nessun arrivo, soprattutto a causa del voltafaccia inatteso di Edin Dzeko e l’impossibilità di cedere gli inamovibili e cinici Fazio, Santon e Nzonzi.

Tra i tanti, anche il mediano del Fulham,  Andrè Zambo Anguissa, era stato seguito da Tiago Pinto. Il venticinquenne del Camerun ha impressionato la piazza partenopea alla sua prima uscita stagionale da titolare con la casacca azzurra.

Egli è stato infatti ingaggiato dal Napoli nelle ultime battute del mercato estivo, grazie ad una trattativa i cui retroscena sono stati svelati da “Il Corriere dello Sport”. Grande merito va dato alle capacità comunicative di Giuntoli, fondamentali per strappare il prestito oneroso a 500mila euro e a fissare la cifra del riscatto (non obbligatorio) a 15 milioni.

“Datelo a noi, sapremo cosa farne” avrebbe comunicato il toscano agli intermediari di oltremanica che, tra un anno, si potrebbero trovare con un calciatore plasmato da un mister esperto come il certaldino o con 15 milioni di euro in più.