Calciomercato Roma, bomba dalla Spagna | Torna in Liga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:27

Il giocatore giallorosso non viene visto da Mourinho allora la separazione potrebbe essere inevitabile.

José Mourinho
José Mourinho ©Getty Images

In questa stagione l’attacco della Roma è stato completamente rivoluzione dall’ultima sessione di calciomercato. Se fino all’anno scorso l’allora tecnico Paulo Fonseca poteva contare su due soli centravanti (Edin Dzeko e Borja Mayoral), quest’anno José Mourinho aveva subito messo le cose in chiaro con il direttore generale Tiago Pinto sin dall’analisi della squadra dello Special One partita nei primissimi giorni da quando firmò il suo contratto. Dunque tre giocatori offensivi centrali, uno dei quali che può fare anche da jolly, Eldor Shomurodov, il quale può ricoprire all’occorrenza tutti e tre i ruoli sulla trequarti (comprese le due fasce offensive), ma anche una seconda punta qualora Mourinho dovesse utilizzare un modulo diverso.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, emergenza fasce | Mourinho ha già scelto

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, gli indizi di Mou | La Premier prima scelta

Calciomercato Roma, ritorno in Spagna per l’attaccante

L’addio del bosniaco, l’arrivo di Tammy Abraham e anche quello dell’uzbeko, ha messo però da parte il terzo attaccante, vale a dire Borja Mayoral. Lo spagnolo ha totalizzato solamente 8 minuti in UEFA Conference League (nella gara di andata contro il Trabzonspor) e 21 in campionato (8 a Salerno e 13 a Verona). Allo Stadio Olimpico non è ancora mai sceso in campo, anche se nella sfida contro il CSKA Sofia stava per entrare, prima dell’infortunio di Calafiori che ha cambiato le strategie e la sostituzione di Mourinho.

Borja Mayoral
Borja Mayoral ©Getty Images

Secondo quanto riportato però dal sito ‘fichajes.net’, riporta come la fiducia dello Special One nel giocatore ancora di proprietà del Real Madrid (la Roma potrà esercitare il diritto di riscatto in questa stagione per 20 milioni di euro, ndr) possa essere sempre di meno e per questo potrebbe esserci un ritorno in Spagna. In Liga, infatti, ci sono Valencia, Espanyol e Siviglia pronte a monitorare la situazione da vicino.