Roma, squalifica Pellegrini | “Ricorso solo in un caso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:40

Roma, tiene ancora banco l’espulsione scandalosa di Pellegrini. Parla l’avvocato Mattia Grassani: “Il ricorso solamente in un caso”

rOMA
Mourinho ©GettyImages

L’espulsione di Lorenzo Pellegrini, ingiusta, non è andato giù a nessuno. Né a Mourinho, che dopo la partita di ieri sera ha annunciato che la società giallorossa farà ricorso, né ai tifosi, che sono delusi dalla decisione del direttore di gara. Ad intervenire sulla vicenda oggi è stato l’avvocato Mattia Grassani, che ha spiegato durante la trasmissione Parametri Zero, quali sono le possibilità della Roma di vedere in campo il capitano nel derby contro la Lazio previsto domenica.

“La dinamica di ieri difficilmente con un ricorso può essere cancellata. Codice alla mano quello che è stato deciso dall’arbitro e dal giudice sportivo diventa molto vicino all’intoccabile” ha spiegato Grassani. Che, però, lasciala porta aperta: c’è solamente un caso in cui i giallorossi potrebbero vincere il ricorso.

LEGGI ANCHE: Lazio-Roma: DAZN e il terrore dei tifosi non allo stadio – VIDEO

LEGGI ANCHE: Lazio-Roma: DAZN e il terrore dei tifosi non allo stadio – VIDEO

Roma, ecco come potrebbe essere tolta la squalifica a Pellegrini

Lorenzo Pellegrini
Lorenzo Pellegrini ©Getty Images

“In nessun modo si può arrivare al risultato voluto dalla Roma” ha continuato ancora Grassani. Ma che spiega: “Ci vorrebbe un ricorso solo se l’arbitro ammettesse l’errore ma questo non avviene quasi mai nei campionati professionistici”. Una situazione ingarbugliata. Ed è quindi assai probabile che Pellegrini, domenica, contro la formazione di Maurizio Sarri non ci sarà. Mai un caso del genere è stato rivisto fino al momento. Rimane solamente l’errore arbitrale che non permetterà a Mourinho di poter mandare in campo la miglior formazione possibile nella partita più sentita dai tifosi giallorossi.

Un’ingiustizia, senza dubbio. Arrivata a pochi minuti dalla fine del match. E la delusione di Pellegrini, che non ha realmente cercato il colpo, ha fatto capire la buona fede del calciatore e soprattutto la sorpresa per un provvedimento che è immediatamente apparso sbagliato. Purtroppo, indietro, non si può tornare.