Calciomercato Roma, Mourinho avvisato | “È come Jorginho”

Dopo le polemiche in casa Roma successive alla sconfitta in Conference League, torna a parlare un ex dirigente giallorosso. 

L’intenzione di prendere decisioni radicali, da parte di José Mourinho, era nell’aria. L’allenatore portoghese aveva parlato in modo chiaro già giovedì sera dopo la disfatta europea di Bodo. E altrettanto chiaramente era tornato sul tema ieri in conferenza stampa. “La responsabilità è solo mia“, ha ribadito ieri il tecnico. Sottolineando però che la Roma avrà bisogno, nel tempo, di migliorare la propria rosa.

calciomercato roma petrachi villar
José Mourinho ©GettyImages

Alcuni dei giocatori a sua disposizione, insiste Mourinho, non sono all’altezza della Roma. Lo dice a parole e con i fatti, tanto che oggi, contro il Napoli, sono tre gli esclusi eccellenti dalla lista dei convocati. In panchina al suo fianco il portoghese porterà tre ragazzi della Primavera, ennesimo segnale della scarsa fiducia che ripone in alcune delle riserve a sua disposizione.

LEGGI ANCHE: Ultim’ora Milan, Pioli sorride | Recupero ufficiale contro la Roma

Calciomercato Roma, l’ex dirigente accusa | “E’ un nuovo Jorginho”

Tra gli esclusi eccellenti anche Gonzalo Villar. Il centrocampista spagnolo ha faticato a trovare spazio sin dall’inizio nel centrocampo a due voluto da Mourinho. Di lui torna oggi a parlare Gianluca Petrachi, ex direttore sportivo della Roma. Il dirigente elogia Villar, sottolineando in un’intervista concessa a Tuttosport come le caratteristiche del giocatore siano però adatte a un centrocampo a tre.

calciomercato roma petrachi villar
Gianluca Petrachi ©GettyImages

Villar è un nuovo Jorginho, se lo fai giocare nel centrocampo a tre diventa fortissimo. Essere categorici sul valore di un giocatore secondo me è sbagliato” afferma Petrachi, secondo cui la Roma dispone di giovani interessanti come, oltre allo spagnolo, Darboe e Calafiori. L’ex d.s. critica poi alcune prese di posizione di José Mourinho. Pur ritenendo indispensabile il turn over, infatti, Petrachi afferma di non trovare corretto “qualificare i calciatori come di primo e di secondo livello“.