Calciomercato Roma, Pinto ha il piano B | Prestito e affare in Serie A

Con l’avvicinarsi del calciomercato invernale, la Roma rende più solide le proprie strategie. Ecco il piano del g.m. Tiago Pinto. 

La Roma si appresta a tornare in campo dopo la sosta per le Nazionali. La sfida di domenica sera al Genoa sarà l’occasione per riscattare gli ultimi risultati negativi e per vedere quali saranno le scelte di José Mourinho. Prima della sosta l’allenatore portoghese aveva virato sulla difesa a 3, presentando a Venezia la squadra con un 3-4-1-2. Una soluzione che, al di là del risultato, per larghi tratti di gara aveva portato frutti interessanti.

calciomercato roma dalot bereszynski calafiori villar
Tiago Pinto ©LaPresse

Ora, alla ripresa dopo la sosta, ci sarà da fare altre valutazioni. Il tutto in attesa che dal mercato di gennaio possano arrivare quegli innesti che Mourinho chiede a gran voce dalla fine della sessione estiva. Pinto lo sa e lavora su diversi dossier per arrivare alla riapertura dei trasferimenti con le idee chiare e alcune operazioni già ben avviate.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, non solo Zakaria | Altro ‘scippo’ della Juve

Calciomercato Roma, fari sulla fascia destra | Pinto si tutela

La necessità di acquistare un calciatore che possa dare riposo a Rick Karsdorp è evidente. L’olandese è stato finora l’unico proprietario della fascia destra, ma la stagione è fitta e giocarle tutte è semplicemente impensabile. Per questo da tempo Tiago Pinto ha puntato Diogo Dalot. Secondo La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, il portoghese, al di là delle recenti dichiarazioni, vedrebbe di buon occhio un trasferimento nella Capitale. Le richieste dello United, però, spaventano: prestito con obbligo di riscatto per una cifra superiore ai 10 milioni. Tanti per un calciatore ai margini del progetto e in scadenza di contratto tra un anno e mezzo.

calciomercato roma dalot bereszynski calafiori villar
Riccardo Calafiori ©LaPresse

Per questo Pinto non ha mai abbandonato la pista che porta a Bartos Bereszynski. Il laterale polacco della Sampdoria è elemento di sicuro affidamento, conosce bene la Serie A e verrebbe a Roma di corsa. Con Ferrero, poi, i rapporti sono ottimi. Un prestito con diritto di riscatto fissato intorno ai 6 milioni metterebbe tutti d’accordo, anche se le ultime novità riguardano invece un’opzione diversa: la Roma potrebbe decidere di inserire nell’operazione il prestito di un giovane come Calafiori o Villar. Il primo, con l’imminente rientro di Spinazzola, rischierebbe di trovare poco spazio; il secondo è uno dei nomi nella lista dei cedibili giallorossi.