Roma-Zorya, Mou cuore d’oro | Il gesto al triplice fischio

Roma-Zorya, il gesto di Mou a fine partita cattura l’attenzione: cosa ha fatto lo Special One al triplice fischio.

Impegno agevole sulla carta, ma la Roma fa comunque il suo, sbrogliando la pratica Zorya già nel primo tempo, grazie alle reti siglate da Carlos Perez e Zaniolo. Ci ha pensato Abraham ad arrotondare il match, con una personalissima doppietta.

Mourinho ©Getty Images

Gara mai in discussione, che i giallorossi hanno avuto il merito di portare dalla loro sin dalle prime battute, con un approccio ottimo: lo Zorya si è fatto vedere solo con un tiro dal limite dell’area di rigore, per il resto, poco altro. Mourinho ha trovato risposte confortanti: la scelta di puntare nuovamente sulla difesa a tre, con El Shaarawy sulla linea dei centrocampisti e Carlos Perez a fungere da raccordo tra il centrocampo e l’attacco, unitamente alla scelta di porre Zaniolo vicino ad Abraham, ha dato i suoi frutti, sia nella fase di possesso che in quella di non possesso.

Leggi anche –> Calciomercato, Ranieri sblocca la Roma | Ecco l’offerta

Lo Special One ha deciso di concedere uno spezzone anche al giovane Missori, entrato in campo al posto di Mkhitaryan: il tecnico lusitano, al triplice fischio, ha “omaggiato” il calciatore, regalandogli il pallone. Un gesto che sicuramente non è passato inosservato, e che testimonia la grande disponibilità mostrata da Mou nel “coccolare” i suoi giovani, come già avvenuto con Felix Gyan.