Calciomercato Roma, annuncio ufficiale Rangnick | Chi resta e chi parte

Calciomercato Roma, ricca di spunti la conferenza stampa del tecnico del Manchester United. Da non sottovalutare l’ingerenza delle sue dichiarazioni nei piani giallorossi.

Il mister tedesco, accostato anche al Milan in passato, è stato scelto dalla dirigenza anglosassone ad interim, dopo aver ponderato l’inevitabile scelta di interrompere il rapporto con Solskjaer. Troppe le difficoltà vissute sotto la sua gestione per proseguire un matrimonio che, fino a qualche mese fa, aveva portato a conseguenze nefaste.

Calciomercato Roma
José Mourinho con Solskjaer ©LaPresse

Il cambio in panchina tra le fila dei Red Devils ha scosso non poco l’ambiente endogeno, rammaricato per il commiato da chi ha rappresentato una vera e propria bandiera ma al contempo consapevole dell’inevitabilità della decisione. Quest’ultima ha avuto una propria eco anche all’ombra del Colosseo.

I capitolini, come ricorderete, hanno seguito negli ultimi mesi Diogo Dalot, interesse arrivato a conferma del fatto che  Mourinho abbia definito necessario l’acquisto di un elemento che garantisca una valida alternativa a Rick Karsdorp, fin qui titolare indiscusso ma necessitante di un alter ego che ben permetta lui riposo e recupero.

L’approdo del portoghese sembrava possibile fino a non molto tempo fa, data la scarsa considerazione concessa lui dall’ex tecnico norvegese. Dall’approdo di mister Ralf, invece, molte cose sono cambiate, anche relativamente alle prossime mosse del club in entrata e in uscita. Da quest’ultimo punto di vista, non possono essere ignorate le dichiarazioni rilasciate dall’ex Lipsia alla vigilia della gara contro il Wolverhampton.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, futuro in bilico | Pressing per averlo

Calciomercato Roma, il punto di Rangnick sulle uscite in casa United

Calciomercato Roma
Ralf Rangnick ©LaPresse

Non sono pochi i giocatori di cui si è molto discusso negli ultimi mesi e destinati a cambiare casacca. Diverse situazioni sono state chiarite dal su citato, che si è così espresso circa alcuni profili seguiti anche dai capitolini. A partire dal “Matador” Cavani, la cui vicenda è stata così da lui archiviata.  “Ho parlato tanto con lui in queste settimane e gli ho detto che per caratteristiche e professionalità è un giocatore che ammiro e rispetto tantissimo. Voglio a tutti i costi che resti con noi fino a fine stagione . Abbiamo bisogno di lui e non intendo lasciarlo andar via”.

Da riportare anche le affermazioni su Van De Beek, il cui rapporto con Solskaer non è stato dei migliori, come emerso anche da alcuni suoi plateali atteggiamenti in panchina. Così sul centrocampista olandese. “Ha una mentalità encomiabile e sicuramente avrà la possibilità di giocare. Vorrei che rimanesse qui fino a fine stagione perché ci serve. Capisco però la sua impellenza di avere minutaggio per disputare il prossimo mondiale”.

Chiara quanto sincera, poi, la chiosa su Martial. “Anthony mi ha confessato di voler andar via. Una scelta che rispetto ma deve venire incontro alle esigenze del club e capire che per partire dovrà arrivare un’offerta che assecondi le volontà della società”.

Una situazione non semplice, insomma, per il tecnico di Backnang. Tra tante incertezze, però, emerge un aspetto chiarissimo. A differenza dell’ex gestione tecnica, intende contare sulla permanenza di Dalot, non a caso non coinvolto nei discorsi su riportati. La conferma arriva dal vivido interesse di Pinto per Maitland-Niles.