Giocatori NO VAX, UEFA furiosa | Ribaltone improvviso

La pandemia legata al Covid-19 costringe ancora quasi tutti i paesi del mondo allo stato emergenziale. Ma il calcio non si ferma.

Dopo i primi mesi di difficoltà, dove non si sapeva come gestire la pandemia, se non con la chiusura parziale o totale di alcune attività, adesso si sta cercando di ripartire, grazie anche alla divulgazione del vaccino.

Vaccino Covid-19 UEFA
©LaPresse

Le società di calcio ma così come quelle di altri sport, dovranno però far fronte ai giocatori che non intendono vaccinarsi, i cosiddetti ‘no vax’. Per quanto riguarda l’Italia, le nuove leggi e l’introduzione del Super Green Pass, costringerà i giocatori professionisti alla vaccinazione obbligatoria. Questa scelta però potrebbe addirittura non piacere alla UEFA che starebbe pensando di spostare clamorosamente due partite di Champions League.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, futuro in bilico | Pressing per averlo

Calciatori No-Vax, la minaccia della UEFA

Secondo quanto riportato dal ‘Mirror’, la UEFA, infatti, starebbe pensando di far disputare in campo neutro le due sfide di andata degli ottavi di finale Inter-Liverpool e Lille-Chelsea. Questo per Italia e Francia, dove ci sono le medesime regole per svolgere l’attività sportiva professionistica. “Fonti UEFA hanno indicato che in questa fase non ci sono piani per riscrivere le loro regole al fine di rendere obbligatoria la vaccinazione, anche perché la disponibilità e l’adozione dei vaccini varia considerevolmente in tutta Europa”, viene indicato nell’articolo.

Mourinho
Mourinho ©LaPresse

“Le regole UEFA stabiliscono che per disputare un match ci sia bisogno di almeno 13 calciatori: qualora non fosse possibile rispettare tale requisito, il match potrebbe essere spostato in un campo neutro“. Questo obbligo potrebbe avere un impatto sulla disponibilità dei giocatori soprattutto per alcuni club di Premier League, nei quali il tasso di vaccinazione è più bassa rispetto ad altri campionati. Se queste misure dovessero essere messe in pratica da parte dell’organo che gestisce il calcio europeo, potrebbero valere dunque anche per Europa League e Conference League, dove è impegnata la Roma.