Caos Covid, “campionati da fermare” | La posizione del Governo

Caso Covid, la situazione legata ai positivi non aumenta, anzi: intervengono le Asl. Ecco la posizione del governo.

Nonostante i tentativi effettuati per garantire il regolare ritorno in campo, alla fine il Covid sta mettendo in ginocchio anche la Serie A. L’intervento dell’Asl ha causato il rinvio, infatti, di Atalanta-Torino, Salernitana-Venezia e Fiorentina-Udinese, e potrebbe non essere finita qui.

Rinvio Covid Sospensione Campionati
Pallone Serie A ©LaPresse

Anche Bologna-Inter, infatti, è a rischio rinvio, con la decisione definitiva che potrebbe essere presa soltanto nella giornata di domani: sono ben otto, infatti, i positivi al Covid. Alla fine, l’Asl di Napoli ha dato il nulla osta alla partenza dei partenopei alla volta di Torino, ma la situazione deve essere continuamente monitorata. E così, assume ancora più ragion d’essere l’indiscrezione rilanciata da “Gazzetta.it“, secondo cui nelle discussioni tra i vertici del governo si sarebbe paventata anche l’ipotesi di una “sospensione dei campionato”: proposta che è stata subita rispedita al mittente, almeno per ora.

Leggi anche –> Roma, ultim’ora Sky Sports: la decisione di Smalling sul vaccino

“Rinvio dei campionati”: il governo per ora nicchia

Stadio Udinese ©LaPresse

Il fronte più rigorista avrebbe sollevato l’ipotesi di sospendere il campionato fino alla sosta per le Nazionali, considerato il periodo nel quale si potrebbero registrare il maggior numero di contagi. Stop fino al 6 febbraio, dunque: ipotesi subito bocciata, anche perché non sarebbe (per ora) presa in alcuna considerazione l’idea di ridurre la capienza degli stati o di disputare le partite a porte chiuse. Tuttavia, la situazione sta involvendo, provocando un clima di alta tensione, e non sono esclusi colpi di scena nel corso delle prossime ore, laddove il trend della curva epidemiologica non dovesse accennare ad “acquietarsi”.