Roma-Juve, bordata di Mou verso i giocatori | E annuncia un acquisto

Roma-Juventus si chiude sul 3-4, dopo una gara sulle montagne russe. A fine gara ha parlato il tecnico giallorosso, tanta rabbia nelle parole di Mou.

Otto minuti di follia nella difesa giallorossa che hanno regalato tre gol ai bianconeri. Ennesima sconfitta in campionato per i giallorossi, stavolta incredibile come è arrivata. Ecco le parole di José Mourinho a fine gara, il tecnico portoghese è apparso furioso e ha riservato un annuncio sul calciomercato.

Roma Juve
Josè Mourinho ©LaPresse

Una gara folle ha consegnato la vittoria alla Juventus per 4-3 ai danni della Roma, a fine gara Mou ne ha per tutti. Il tecnico portoghese riserva diverse bordate alla squadra, incapace di gestire il doppio vantaggio trovato ad inizio ripresa. I bianconeri la spuntano più per demeriti della Roma che viceversa, anche il rigore fallito per il mancato pareggio ad aumentare la beffa in casa giallorossa. A fine gara Mourinho è apparso furioso contro i suoi, riservando un annuncio sul futuro calciomercato di riparazione. Ecco le parole dello Special One: “Purtroppo posso criticare, non voglio farlo sul piano individuale ma posso farlo. Ci sono stati 70′ di controllo assoluto con la mentalità di fare il gioco, sia nel primo sia nel secondo tempo abbiamo avuto la voglia tattica di organizzazione di gioco, di avere controllo e abbiamo fatto molto bene per 70′”

Leggi anche: Calciomercato Roma, irrompe Simeone | Addio in estate e colpo a zero

Roma-Juve, bordata di Mou verso i giocatori | E annuncia un acquisto

Attacco ai giocatori, incapaci di gestire il vantaggio: “Eravamo in vantaggio a 15′ dalla fine, qual era il problema? 3-1 è un risultato e 3-2 è un altro ma per me non è un problema, per loro sì. In quel momento lì sono venuti fuori la fragilità psicologica, le paure, magari anche dei complessi. Non è successo senza motivo quello che è successo l’anno scorso e quello che sicuramente succederà anche quest’anno: non vincere contro le big.

Roma Juve
Roma Juve ©LaPresse

Ancora il tecnico : “La mia squadra, scusate la parola, quando è già nella merda si rialza e viene di nuovo fuori il carattere buono. Un’altra cosa è la mentalità debole, un’altra la gente che non è buona. E nello spogliatoio c’è solo gente buona. Ho detto ai miei che se fosse finita al 70′ sarebbe stata una partita straordinaria. Purtroppo non è stato così e poi vengono fuori tutte le cose negative, anche i limiti in panchina: Maitland-Niles appena arrivato, un altro ne arriverà la settimana prossima.”  Infine il tecnico prova a raccogliere le speranze, tornando sul prossimo rinforzo di mercato: “Per il tempo che mi è stato dato, 3 anni, voglio fare tutti i giorni di questi 3 anni e non uno di meno, ovviamente ho bisogno dell’aiuto della società, che ovviamente arriva ma deve arrivare con il nostro ritmo. Adesso prendiamo due giocatori in prestito: uno di questi è Maitland-Niles e l’altro è un centrocampista che penso arriverà nella prossima settimana, uno con fisicità e personalità, con un profilo diverso e adatto ad avere responsabilità.”