ESCLUSIVO | Roma, Monteiro (Record): “Sergio Oliveira ideale per Mou e Serie A. La verità su Esteves”

Nei giorni scorsi la Roma ha ufficializzato l’ingaggio di Sergio Oliveria, il giornalista portoghese André Monteiro ci aiuta a conoscere meglio lui e il giovane Esteves

“Non ha un fisico bestiale, ma è un mix completo di aggressività, dinamismo e grande tecnica”. Ha usato queste parole André Monteiro, giornalista di ‘Record’ intervistato in esclusiva da Asromalive.it per conoscere ancora meglio Sergio Oliveira, secondo acquisto di gennaio della Roma.

Esclusivo Monteiro: "Vi presento Sergio Oliveira ed Esteves"
Sergio Oliveira ©LaPresse

Il centrocampista portoghese è stato accostato alla Roma già la scorsa estate. “C’erano voci di un possibile trasferimento in prestito, ma in quel momento il Porto non avrebbe mai dato via il miglior calciatore della stagione appena conclusa con quella formula. Aveva appena vinto il ‘Dragone d’Oro’ come miglior giocatore stagionale. La Fiorentina, infatti, lo voleva comprare a titolo definitivo e quella trattativa è stata l’unica concreta, sfumata poi con l’addio di Gattuso al club viola. La trattativa vera e concreta con la Roma credo sia iniziata circa due settimane fa”.

Il collega portoghese ha poi smentito l’esistenza di una promessa tra Oliveira e Porto per lasciarlo partire in caso di offerta importante a gennaio. “Non credo ci fosse alcuna promessa. C’è un legame che dura da quasi 20 anni tra Sergio e il club. Quando è arrivato all’ultimo anno di contratto, lui si è rifiutato di andare via a zero e ha voluto rinnovare il contratto perché ama il Porto. Non c’era una promessa, ma un senso di gratitudine reciproca. Non è voluto andare via a parametro zero e ha rinnovato per dare al Porto l’opportunità di monetizzare dalla sua partenza. Tiene troppo al club e ai tifosi. Sapeva che le condizioni finanziarie del Porto non erano ottimali”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, non solo Oliveira | Nuovo colpo targato Mendes

Roma, Monteiro non ha dubbi: “Sergio Oliveira perfetto per Serie A e Mourinho”

Roma, esclusivo: Monteiro su Oliveira, Esteves e Mourinho
José Mourinho ©LaPresse

Spostandosi sull’aspetto tecnico-tattico, Monteiro non ha dubbi: “Credo che il campionato italiano sia stata la scelta migliore che Oliveira potesse fare. Sergio è un giocatore aggressivo e intenso, ma non è una bestia fisicamente e ha grandi doti tecniche. Per questo credo che in campionati come la Bundesliga e la Premier League avrebbe fatto più fatica. In Italia sono importanti sia la tattica, sia la tecnica. Giocare bene la palla è importante e quindi penso sia stata un’ottima scelta. Credo che sia adatto all’idea di gioco di Mourinho, perché le sue squadre cercano una transizione veloce verso l’attacco e Oliveira è un grandissimo passatore. Non è un giocatore che tiene troppo palla, ma sa passarla veramente bene. Credo sia perfetto per una squadra di Mou. Paragoni? Posso fare delle comparazioni dal punto di vista delle caratteristiche, probabilmente come stile di gioco si può paragonare a Jorginho e un pochino a Pirlo, perché le loro peculiarità sono la tecnica, il passaggio e il tiro. Può giocare sia da numero 6 che da numero 8. Ha anche capacità difensive, ma nel tiro e nell’ultimo passaggio è molto bravo, oltre ad essere molto bravo su punizione”.

Monteiro su Esteves: “Ecco le sue caratteristiche”

Calciomercato Roma, Monteiro su Esteves
Sergio Conceicao ©LaPresse

Negli ultimi giorni, si è parlato anche di un altro possibile affare con il Porto e di un interessamento della Roma per Tomas Esteves. “E’ un terzino destro del Porto B che gioca anche nelle giovanili del Portogallo. Ha caratteristiche molto offensive e non ha avuto molte opportunità in prima squadra, penso che Sergio Conceiçao ritenga debba ancora migliorare dal punto di vista difensivo. Ha un grande potenziale, ma non abbiamo informazioni su questo interessamento della Roma. Sicuramente c’era qualcosa in estate, ma non è andata in porto. E’ un giocatore di Jorge Mendes e questo è un aspetto importante quando si parla di Mourinho e delle sue squadre. Forse è una pista che potete seguire, ma non in questo momento”.