Calciomercato Roma, rivelazione dell’ex | Ecco i motivi della cessione

L’ex giocatore della Roma ha parlato della sua cessione e dei motivi che lo hanno spinto ad andare via dalla capitale.

Rivelazione importante dell’ex calciatore capitolino, che ha comunque lasciato un pezzo di cuore, come da lui stesso ammesso. L’intervista parla anche di addii importanti in casa Roma, non solo il suo, che potrebbe non essere un addio definitivo.

calciomercato roma fazio
Tiago Pinto ©LaPresse

Chi fa parte del passato, ma potrebbe far parte anche del futuro, è Alessandro Florenzi. Il giocatore di proprietà della Roma è in prestito al Milan, che ha un diritto di riscatto per il terzino fissato a 4,5 milioni di euro. Le due società stanno trattando proprio sul riscatto, che i rossoneri vorrebbero abbassare.

LEGGI ANCHE: Calciomercato, rinforzo ufficiale | Sarà subito a disposizione

Florenzi e la Roma, i motivi della cessione

Intanto il calciatore ha parlato ai microfoni di ‘Dazn’ della sua esperienza rossonera ma anche del suo passato al Valencia: “Quella del Valencia mi ha aperto un mondo come uomo, non avevo mai fatto un’esperienza all’estero e sono stati folgorato da Valencia tant’è che non vediamo l’ora di tornarci con le nostre bimbe. Hanno fatto la scuola in Spagna e Parigi. Andare in uno spogliatoio senza parlare la lingua mi ha aiutato tanto a crescere, spero di aver lasciato un bel ricordo sia in Spagna che a Parigi. Sono due tappe che non scorderò mai”.

Florenzi
Florenzi ©LaPresse

Poi ha parlato anche del suo passato nella capitale, trattando temi delicati come quelli di Daniele De Rossi e Francesco Totti: Roma sicuramente mi manca perchè è parte di me. E’ stata, è e lo sarà la squadra che ho tifato fin da bambino e per cui ho dato tutto. Il momento in cui ho capito che le nostre strade si stavano separando è quando mi hanno detto che non servivano più gli eroi per i tifosi della Roma. Davanti a me c’è stata la successione degli addii di De Rossi e Totti e ho capito che era il mio turno. L’ho fatto cercando di dare meno problemi possibili e comportandomi da professionista esemplare. L’ho accettato e sono andato avanti. L’esperienza all’estero mi ha aiutato perchè non ho mai affrontato la Roma, ora incontrarla in campionato è stata un po’ difficile. Non avrei mai esultato al gol (riferendosi alla traversa presa su punizione in Milan-Roma, ndr)”.