Calciomercato Roma, arrivano i soldi | Tesoretto per Pinto

Calciomercato Roma, arrivano i soldi: tesoretto di 15 milioni di euro per Tiago Pinto che dovrà reinvestirli a giugno per gli innesti

Arrivano i soldi, si chiude a giugno. Un tesoretto per Pinto che dovrà essere bravo a reinvestire la cifra sugli innesti per la prossima stagione. Ormai, secondo quanto scrive il Corriere dello Sport, di dubbi ce ne sarebbero davvero pochi. Si va verso il riscatto.

calciomercato roma
Tiago Pinto ©LaPresse

Parliamo di Justin Kluivert, che il general manager portoghese ha piazzato in prestito al Nizza la scorsa estate. In Francia sono assai contenti delle prestazioni del figlio d’arte, e anche il tecnico Galtier avrebbe chiesto alla società di tenerlo anche il prossimo anno. La cifra concordata è di 15 milioni di euro. I vincoli per rendere il diritto di riscatto un obbligo sono stati quasi raggiunti tutti e manca diverso tempo alla fine dell’annata.

Calciomercato Roma, tesoretto per Pinto

Justin Kluivert ©LaPresse

Almeno il 50% di presenze in stagione associato alla qualificazione alla prossima Champions League. Bene, al momento l’ex giallorosso ha messo a referto 20 partite in stagione, condite anche da 5 gol, e la sua squadra è seconda in classifica in Ligue 1, quindi in zona Champions. Certo, alle spalle del Psg la classifica è corta, ma in ogni caso non dovrebbero esserci dubbi sul riscatto del giocatore. Si potrebbe già ragionare su come far fruttare quei 15 milioni che dovrebbero entrare nelle casse giallorosse alla fine dell’anno.

Un altro colpo quindi per il gm portoghese, che è riuscito anche a piazzare in Francia Under e Pau Lopez assicurandosi altri 20 milioni di euro dai riscatti. Cifre sicuramente importanti per la Roma che visto il momento economico non esaltante deve cercare di autofinanziarsi almeno in una parte le prossime entrate. Come spiegato spesso nessuno è al sicuro in questo momento dentro la rosa giallorossa, e anche Vina, che sembrava un punto fermo, davanti a una buona offerta potrebbe partire.