Calciomercato Roma, osservatori in Portogallo per il grande ritorno in Serie A

Calciomercato Roma, sembrano esserci tutti i presupposti per assistere ad un vero e proprio duello la prossima estate.

A partire da giugno importanti novità sono attese in quel di Trigoria al fine di consegnare a José Mourinho una rosa perfezionata e che gli garantisca maggiori possibilità di scelta e alternanza durante le fasi più impegnative della stagione. In altre parole, Pinto dovrà lavorare per aumentare la profondità di uno scacchiere che attualmente sembrerebbe completo grazie alle integrazioni progressive di alcuni elementi della Primavera e i due acquisti invernali.

Calciomercato Roma
José Mourinho ©LaPresse

Servirà però qualcosa in più l’anno prossimo, quando si entrerà, almeno questo è quello che si augurano i tifosi, nel vivo del progetto mourinhiano. Ciononostante, l’attuale stagione offre ancora nobili obiettivi da raggiungere, dai quali potrebbe dipendere anche il futuro modus operandi del gm portoghese e dei suoi colleghi.

Le zone di campo perfettibili sono numerose e risulterebbe pleonastico il ribadire la necessità di un intervento a centrocampo, fin qui figurabile come la zona destinata a subire maggiori modifiche nei prossimi mesi, sia in entrata che in uscita. Come da poco raccontatovi, ci saranno accorgimenti anche all’estremità difensiva, così come diversi ragionamenti saranno fatti anche per la zona immediatamente antistante a quella presieduta da Rui Patricio.

Calciomercato Roma, la Fiorentina continua ad osservare Dalot: le ultime

Calciomercato Roma
Diogo Dalot ©LaPresse

In attesa di capire quali saranno le condizioni del rientrante Spinazzola, nella speranza che Vina possa dimostrare di non essere quel giocatore fin qui visto e senza dimenticare della crescita di Zalewski, grandi novità potrebbero interessare la corsia destra. Fino a qualche settimana fa, non poche critiche erano state mosse nei confronti di Rick Karsdorp, da due anni a questa parte rinato ma negli ultimi otto mesi poco bravo a incidere offensivamente quanto la passata stagione.

Le due gare con Vitesse e Lazio potrebbero aver rappresentato il turning point della stagione dell’olandese, arrivato nella Capitale con l’appellativo di “locomotiva” e quasi sempre sfruttato da Mourinho. Ciò che è mancato all’ex Feyenoord, al di à di discorsi tecnico-tattici, è la presenza di una valida alternativa che permettesse una gestione migliore delle sue risorse.

Maitland-Niles ha pian piano perso condizione e gerarchie e ciò spiega il motivo per il quale sono previsti interventi proprio in questo reparto. Da diverso tempo si parla di Diogo Dalot, che già conosce il nostro campionato. Oltre che ad essere un’alternativa più che valida, rappresenterebbe un più che affidabile titolare. Arrivare al portoghese non sarà però facilissimo, soprattutto alla luce dell’ingerenza della Fiorentina, confermata in queste ore da Nicolò Ceccarini.

A detta di quest’ultimo, infatti, sono stati visti alcuni osservatori viola a Oporto giovedì 24 marzo, la cui presenza sembrerebbe essere legata proprio allo studio “sul campo” dell’attuale 20 del Manchester United.