Napoli-Roma, disastro Di Bello: la moviola dei giornali

Napoli-Roma non è stata una delle migliori prestazioni per l’arbitro di Brindisi che ha anche ammonito Zaniolo che salterà l’Inter

Ieri si è giocata Napoli-Roma allo Stadio Maradona. Spalletti prima della gara aveva confessato che avrebbe cercato di battere Mourinho, dato che ancora non è riuscito a farlo. Per il tecnico toscano, però, non c’è stato nulla da fare grazie ad El Shaarawy che ha pareggiato in pieno recupero su assist di Abraham. In quei minuti, poi, la Roma ha dato l’idea di poterla anche vincere, ma i napoletani sono riusciti a resistere, nonostante il baricentro schiacciato a causa dei cambi di Spalletti.

Napoli-Roma
Marco Di Bello, arbitro di Napoli-Roma ©LaPresse

Uno dei protagonisti della partita è stato Di Bello. L’arbitro non ha messo in campo la sua miglior direzione di gara. Uno egli episodi più discussi è l’ammonizione a Zaniolo al 71′. Secondo l’ex arbitro, ora opinionista, Marelli il fallo non era sanzionabile anche se le proteste sono state un po’ eccessive. L’errore, però, è costato caro a Nicolò, che ora dovrà saltare la gara a Milano contro l’Inter, una delle partite più importanti di questo aprile romanista. Gli errori, però, non si riducono solo a questo e ce ne sono di più se si analizzano i 90′ della partita.

Napoli-Roma, la moviola dei giornali: Di Bello disastroso

napoli-roma
Di Bello a colloqui con Insigne ©LaPresse

La prestazione dell’arbitro di Brindisi è stata notata da molti. Leggendo gli altri giornali, infatti, si può notare come i voti per la direzione di gara siano insufficienti. Il Corriere dello Sport, infatti, ha dato 3.5 al fischietto pugliese colpevole di aver lasciato troppi dubbi nel contatto tra Meret e Zaniolo. Sotto la lente d’ingrandimento del giornale anche l’utilizzo del Var per il fallo di Ibanez su Lozano. Poi c’è un arancione, solo giallo per Di Bello, a Zanoli che entra a piede a martello su Oliveira. Il terzino destro, però, andava espulso perché manca un giallo su Abraham al 49′.

Anche la Gazzetta dello Sport sottolinea l’errore nel giudicare il fallo di Ibanez, salvato grazie al Var. I gialli a Insigne e Zaniolo sono considerati troppo severi dalla rosea, mentre ne manca uno a Zanoli.