La Roma e la classifica senza errori arbitrali: tifosi scatenati sui social

I bianconeri non sarebbero al quarto posto, che vale l’accesso nel torneo europeo. Cambia tutto anche per la Roma che non sarebbe quinta

Mancano poche giornate alla fine della Serie A, con le posizioni che contano qualcosa che sono ancora in bilico. Gli ultimi posti per l’accesso alla Champions League, ad esempio, non sono stati ancora definiti, con Juventus che ha 8 punti di vantaggio sulla Roma, con ancora 12 disponibili. Se la corsa per il posto nel torneo europeo sembra quasi decisa, c’è quella per l’Europa League e per la Conference ancora in bilico. Come ha confermato anche Mourinho, dal quinto all’ottavo posto c’è ancora un campionato da poter giocare viste le possibilità.

roma
José Murinho, allenatore della Roma ©LaPresse

Anche nella parte bassa della classifica è ancora tutto aperto. Mentre il Venezia sembra quasi condannato, Genoa e Salernitana sono a pari punti ovvero 25, 3 in meno del Cagliari e cinque in meno della Sampdoria. I tifosi di queste squadre, però, saranno sicuramente attenti a ciò che succederà nel recupero della 20ª giornata di Serie A in programma per le prossime settimane. Hanno contribuito a questa classifica tutti gli episodi accaduti durante le partite. In particolare, gli errori arbitrali hanno permesso ad alcune squadre di avere una posizione piuttosto che un’altra.

Roma, come cambia la classifica senza errori arbitrali

roma
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus da quest’anno ©LaPresse

A creare una classifica senza errori arbitrali ci ha pensato Tiki Taka, che ha analizzato il campionato andando a correggere le sviste dei direttori di gara. Secondo il tabellone stilato dallo show televisivo condotto da Piero Chiambretti, la Roma sarebbe in Champions League con 62 punti, ben 4 in più rispetto alla realtà. La Juventus, invece, sarebbe quinta a 59, ben 7 punti in meno che invece sono arrivati grazie agli errori degli arbitri. La classifica stilata da Tiki Taka ha attirato ovviamente delle polemiche, soprattutto dei tifosi bianconeri. Questi non hanno accettato di vedere la propria squadra come la più favorita dagli errori arbitrali e su Twitter hanno dato vita a delle proteste contro il programma.