Spezia-Lazio, ribaltone ufficiale: accolto il ricorso

Nei giorni scori aveva fatto discutere Spezia-Lazio cove Acerbi ha segnato al 90′ in fuorigioco, con Pairetto e Nasca sospesi per l’errore

Il 30 aprile è andata in scena Spezia-Lazio, gara che ha chiuso le partite del sabato della trentacinquesima giornata di Serie A. Il risultato finale ha visto i liguri soccombere ai biancocelesti che hanno vinto 4-3. I tre punti sono stati più che utili per gli uomini di Sarri che sono riusciti così, grazie al pareggio della Roma con il Bologna, a raggiungere al quinto posto in classifica Abraham e compagni. A tenere sopra gli uomini di José Mourinho, però, è stata la differenza reti negli scontri diretti. I cinque gol segnati contro tre subiti nella doppia sfida, infatti, hanno permesso alla Roma di mantenere la posizione in classifica.

spezia-lazio
Una fase di gioco di Spezia-Lazio ©LaPresse

Il quinto posto, quindi, resta nelle mani del tecnico portoghese che, però, non ha gradito cosa è successo dopo il gol della vittoria della Lazio. Al 90′, infatti, Francesco Acerbi ha segnato la rete del 4-3 condannando lo Spezia. Il gol del difensore centrale, però, ha scatenato le polemiche di molti addetti ai lavori tra cui José. L’ex Milan, infatti al 90′ ha trovato la rete nonostante fosse oltre la linea del penultimo giocatore difendente. La regola del fuorigioco, infatti, afferma che la linea vada tracciata non sull’ultimo difensore, ma sul penultimo calciatore più vicino alla propria porta. Se quindi il portiere è oltre un compagno di squadra, sul numero 1 andrà tracciata la linea. Questo, invece, non è accaduto durante Spezia-Lazio, dove la rete è stata convalidata da Pairetto e Nasca, che sono stati sospesi fino alla fine del campionato.

Spezia-Lazio, accolto ricorso: c’è l’annuncio ufficiale

spezia-lazio
Ivan Provedel, portiere dello Spezia ©LaPresse

L’accaduto ha scatenato una serie di polemiche con Mourinho che ha criticato aspramente l’accaduto nella conferenza post partita di Roma-Bologna. Alle parole dello Special One hanno fatto eco sia Gianpiero Gasperini che Umberto Marino, allenatore e direttore sportivo dell’Atalanta, che hanno sottolineato come un evento del genere sia inaccettabile. Oltre a loro, poi, era circolata una voce che voleva la ripetizione della partita.

Lo Spezia, oggi, ha annunciato in un comunicato ufficiale come il ricorso della società sia stato accettato. Peccato, però che non si tratti del ricorso per ripetere la gara con la Lazio, ma sulla squalifica di Ivan Provedel. Il portiere italiano era stato squalificato per una bestemmia, ma il ricorso del club è stato accettato permettendo all’estremo difensore bianconero di poter giocare la prossima gara.