Roma, giornalista aggredito da bodyguard: scuse e decisione ufficiale

Roma, arrivano le scuse ufficiali del club dopo lo spiacevole evento che ha visto un giornalista aggredito. Ecco la sanzione al bodyguard coinvolto.

La Roma è attesa da 180 minuti che possono riscrivere completamente la storia della prima stagione di Josè Mourinho in panchina. Per preparare al meglio le due gare il gruppo giallorosso ieri sera si è riunito a cena nella Capitale. A margine dell’evento c’è stato però uno spiacevole evento, che ha visto un bodyguard aggredire due cronisti durante la cena. Ecco le scuse del club, con la sanzione diretta al responsabile dell’aggressione.

Roma
L’ultima gara della Roma allo stadio Olimpico ©LaPresse

Una nota amara ha accompagnato la cena della Roma ieri sera, nel cuore della Citta’ Eterna. Durante l’evento organizzato dai calciatori per rinsaldare lo spirito in vista del finale di stagione due giornalisti sono stati aggrediti. Lo spiacevole evento è stato causato dalla violenza ed irruenza di un bodyguard, che ha esagerato nel trattamento verso i cronisti. Una macchia non voluta durante una cena importante per il gruppo squadra, atteso da due gare fondamentali per il bilancio stagionale. La prima in programma questo venerdì, in casa del Torino, i tre punti garantirebbero la qualificazione all’Europa League.

Roma, giornalista aggredito da bodyguard: le scuse del club

Roma
Lorenzo Pellegrini ©LaPresse

Secondo quanto riportato da Ansa la società giallorossa ha presentato formalmente le scuse ai cronisti coinvolti nello spiacevole evento. L’accusa è nei confronti della guardia del corpo che ha aggredito fisicamente i due cronisti, la società giallorossa ha contattato via telefonica i malcapitati ed espresso solidarietà alle testate coinvolte. Unitamente a ciò il club ha tenuto a sottolineare come il bodyguard coinvolto non fosse un dipendente diretto della Roma, ma una guardia del corpo privata coinvolta da un’azienda esterna che si occupa di steward e sicurezza. Alla stessa azienda la Roma ha comunicato ufficialmente la revoca del lavoro per il bodyguard coinvolto, i suoi servizi non saranno più richiesti dalla società giallorossa.