Calciomercato Roma, Cristiano Ronaldo si offre a Mourinho: come può arrivare

Calciomercato Roma, offerto Cristiano Ronaldo. La Gazzetta dello Sport è sicura. Ecco come potrebbe arrivare

Il sogno c’è, rimane vivo, a differenza di quanto detto da Sky ieri sera a quanto pare. Cristiano Ronaldo, secondo la Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina, è stato realmente offerto alla Roma di José Mourinho. L’incontro avuto con Ten Hag non ha fatto scattare la scintilla e una partenza da Manchester in questo momento sembra assai vicina. Nonostante il portoghese ha tutta la voglia di giocare la prossima Champions League, non è detto che non possa accettare la destinazione italiana. Insomma, il sogno non è ancora finito nel dimenticatoio.

Calciomercato Roma
Cristiano Ronaldo ©LaPresse

Il mercato è l’arte dell’impossibile scrive il quotidiano rosa. Perché a rendere questo possibile affare fattibile c’è l’asse portoghese giallorossa: a Trigoria, Ronaldo, oltre a Mourinho ritroverebbe Rui Patricio compagno di nazionale, e anche Tiago Pinto. Ma è soprattutto sul carisma dello Special One che il gm potrebbe fare leva, tenendo bene in vista che sia il tecnico che CR7 hanno come agente lo stesso uomo, assai potente, quel Jorge Mendes che in questa operazione di mercato potrebbe realmente fare la differenza.

Calciomercato Roma, come può arrivare Ronaldo?

roma
José Mourinho ©LaPresse

Bene, ma la domanda è questa: come potrebbe arrivare Cristiano Ronaldo? Anche questo viene spiegato dalla Gazzetta. Non è un mistero che l’ingaggio non è dei più semplici da pagare, ma lo stesso portoghese per tornare in Italia ovviamente sarebbe disposto a dare un taglio al proprio stipendio milionario. Oltre ad avere, lui stesso, dei vantaggi sotto l’aspetto fiscale. E poi non ci sono solamente le spese, ma tutti gli introiti che un affare del genere potrebbe generare.

L’esempio lampante è quello della Juventus: il brand della società di Agnelli con l’arrivo di CR7 ha aumentato il valore di 50 milioni di euro. E poi, ovviamente, c’è anche l’indotto dei social da non trascurare. E infine sponsor, merchandising e tutto quello che gira attorno all’uomo più seguito su Instagram. Insomma, i possibili ricavi potrebbero anche spingere i Friedkin a fare quella “follia”.