Roma, Dybala svela tutto: “Così mi hanno convinto. E sulla 10…”

Roma, Dybala svela tutto: ecco le prime parole dell’argentino da calciatore giallorosso. “Così mi hanno convinto. E sulla 10…”

Tutto così veloce. Tutto deciso in poco tempo. Dybala da oggi è ufficialmente un giocatore della Roma (qui svelata la clausola rescissoria) e l’argentino ha anche rilasciato la prima intervista ai canali ufficiali del club. Parlando di tutto. Svelando i motivi che lo hanno spinto ad accettare l’offerta di Pinto e non è ovviamente mancato un passaggio sulla maglia numero 10. Quella che anche Totti gli ha offerto.

Roma
Paulo Dybala ©LaPresse

Ma andiamo con ordine. La Joya ha spiegato i principali motivi che lo hanno spinto a dire di sì: “La chiamata del mister, del direttore, aver potuto parlare col presidente, sono stati i punti più importanti. Mi hanno dato certezze, il mister è stato anche chiaro con le sue idee, poi giocare per questa squadra, per cosa rappresenta nel paese e nel mondo”.  In poche parole un lavoro di squadra, che ha portato velocemente alla conclusione dell’affare.

Roma, le parole di Dybala

Calciomercato Roma
Tiago Pinto con Ryan Friedkin ©AnsaFoto

Non poteva mancare ovviamente un passaggio sulla maglia numero 10: quella che Totti gli ha offerto e non solo. “Avevo parlato col direttore Pinto, lui mi aveva proposto la 10 che è molto importante qui per quello che ha fatto Totti. Credo però che quel numero di maglia debba essere suo per quello che rappresenta. Servono tanto rispetto e tanta responsabilità per una maglia così. Un giorno, magari, potrò anche portarla ma adesso sono contento del 21 che per me è un numero importante”.

Infine, ovviamente, non poteva mancare anche una parte dedicata al calore, all’amore incondizionato dei tifosi giallorossi. “Quando uno gioca all’Olimpico, per noi sudamericani, è come giocare in Argentina. Le sensazioni sono belle”. E poi: “Sono rimasto decisamente impressionato per come la gente ha festeggiato la vittoria della Conference League. Questo dimostra il calore e i sentimenti della città per il calcio e per questa maglia”.