Calciomercato Roma, ha rifiutato il Milan: via libera Pinto

Calciomercato Roma, ha rifiutato la proposta del Milan: via libera per Pinto che potrebbe completare la rosa di Mourinho

Potrebbe essere il colpo di mercato finale. Quello che comunque Mourinho ha chiesto nel corso di questa sessione. Poi, l’infortunio di Wijnaldum ha decisamente fatto cambiare gli obiettivi a Pinto, che è alla ricerca di quel centrocampista che possa andare a coprire il buco lasciato dall’olandese. In ogni caso, stando alle notizie delle ultime ore, il difensore la Roma lo sta comunque ancora cercando.

Tiago Pinto, general manager della Roma ©LaPresse

I nomi che circolano sono gli stessi, da un poco di tempo, anche se ovviamente alcune piste si sono decisamente raffreddate. Una però è rimasta bella calda, quella che porta a Diallo in uscita dal Psg. I parigini stanno cercando di cederlo in tutti i modi. Oltre alla Roma c’erano anche il West Ham e soprattutto il Milan sul giocatore. Ma a quanto pare, secondo quanto scritto da l’Equipe, il difensore una prima scelta l’avrebbe fatta.

Calciomercato Roma, Diallo ha rifiutato Maldini

calciomercato Roma
Abdou Diallo, difensore del PSG ©LaPresse

Non sarebbe stato pienamente convinto dal progetto che i rossoneri gli avrebbero messo davanti: per questo Diallo avrebbe deciso di declinare l’offerta. Dalla Francia però si aspettano una proposta economica importante soprattutto dalla Premier League – anche l’Aston Villa si sottolinea come potrebbe andare alla carica – per spedire il senegalese fuori dalla rosa in maniera definitiva. Il contratto in scadenza nel 2024 comunque dà la possibilità ai parigini di poter pensare anche ad una cessione in prestito con diritto di riscatto. E Pinto questa opzione, questa formula, la potrebbe decisamente prendere in considerazione.

Una settimana caldissima, insomma. In attesa anche di capire come finiranno le altre operazioni ancora in piedi e che soprattutto riguardando quegli elementi in uscita. Diallo, comunque, rimane un nome caldo e una pista da seguire.