Serie A, UFFICIALE: minuto di silenzio per le vittime nelle Marche

Il presidente della Figc ha deciso che su tutti i campi, a partire da stasera con la Serie A, si osserverà il minuto di silenzio

Questa sera alle 20.45 comincia la settima giornata di Serie A. La prima partita ad andare in onda sarà tra Salernitana e Lecce che si sfidano alle 20.45 questa sera. I giallorossi, invece, giocano domenica contro l’Atalanta allo Stadio Olimpico. Alle 18 ci sarà il fischio di inizio per la partita che è il secondo scontro diretto dopo la Juventus sfidata qualche settimana fa. Contro gli uomini di Gasperini, Mourinho può sorridere visto che è riuscito a recuperare Nicola Zalewski. Il polacco, infatti, ha smaltito l’affaticamento muscolare e si è allenato con i compagni.

serie a minuto di silenzio
Gabriele Gravina, presidente della Figc ©LaPresse

Dopo questa giornata, poi, ci sarà la sosta per le Nazionali. Un po’ di tregua per i giocatori che fino ad oggi hanno giocato ben 6 partite di Serie A. Quelli delle squadre che lo scorso anno si sono qualificate tra le prime sette posizioni in campionato, invece, hanno già disputato 8 gare, compresi gli impegni nelle coppe europee. La Roma, infatti, oltre alle italiane, ha giocato contro Ludogorets e Helsinki. Proprio i finlandesi sono stati gli ultimi avversari, sconfitti 3-0 all’Olimpico dalle reti di Dybala, Pellegrini e Belotti.

Serie A, minuto di silenzio per le vittime delle Marche

Serie A minuto di silenzio
Logo della Serie A ©laPresse

In questi giorni l’intero paese è stato scosso dalle alluvioni che ci sono state in diverse parti d’Italia. In particolare, la regione che ha accusato di più l’arrivo delle piogge è le Marche che hanno registrato anche qualche decesso e alcuni dispersi. Per portare rispetto a tutti coloro che stanno soffrendo per questa situazione, il presidente della Figc Gabriele Gravina ha deciso di far rispettare su tutti i campi di calcio un minuto di silenzio. “Il calcio italiano si stringe attorno al popolo marchigiano”. Con queste parole il numero uno della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha espresso il suo pensiero sul sito ufficiale della Federcalcio.