Roma, incontro fissato per Zaniolo: piccolo sforzo e firma

L’attaccante della Roma è vicino a rinnovare il suo contratto e per questo potrebbe incontrare presto Tiago Pinto per discutere le cifre

Senza ombra di dubbio ieri sera Nicolò Zaniolo è stato uno dei migliori in campo. Soprattutto nel secondo tempo di Roma-Atalanta, il numero 22 si è messo in mostra con i suoi strappi e con il suo immenso talento che, però, non è riuscito a fare breccia nella difesa bergamasca. I nerazzurri sono passati in vantaggio grazie all’unica occasione della loro partita, con Scalvini che al 35′ ha calciato da fuori area indisturbato. Abraham, Pellegrini e lo stesso ex Inter hanno cercato più volte di pareggiare, ma la porta avversaria sembrava stregata. Verso la fine della partita poi, ci ha provato anche Shomurodov, subentrato all’inglese, ma l’uzbeko non ha trovato la rete.

roma
Nicolò Zaniolo, attaccante della Roma ©LaPresse

In tutto il reparto offensivo, il migliore è stato Nicolò, che ha fornito una buona prestazione proprio sotto gli occhi dei Friedkin. Dan e Ryan non saranno rimasti soddisfatti del risultato finale, ma di sicuro lo saranno stati della prestazione del talento classe 1999. C’è da dire che all’appello manca un rigore fischiato sul numero 22, che nel primo tempo ha subito una trattenuta più che evidente da Demiral. Anche nel secondo Okoli si è arpionato ai suoi pantaloncini, ma l’arbitro Chiffi ha preferito lasciar correre.

Roma, incontro fissato: rinnovo a un passo

roma
Nicol Zaniolo contro l’Atalanta ©LaPresse

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, la bella prestazione di Nicolò ha convinto i Friedkin che erano in panchina. Visto che in bilico c’è ancora il discorso del rinnovo del contratto, questo potrebbe fare dei passi concreti molto presto. Forse proprio in questa sosta. Zaniolo vorrebbe firmare un rinnovo fino al 2027. Lo stipendio del numero 22, poi, dovrebbe diventare uguale a quello dei migliori top player presenti in squadra. L’ingaggio del classe 1999 si aggirerebbe intorno ai 4 milioni in caso l’affare andasse in porto. Per accelerare il tutto, le due parti potrebbero fare uno sforzo congiuto, che permetterebbe di firmare entro la fine dell’anno.