L’Inter sfida la Juve: asta in casa Roma

L’Inter sfida la Juve: è asta in casa Roma. Secondo le ultime indiscrezioni anche i nerazzurri seguirebbero da vicino la vicenda

Dopo la presa di posizione degli ultimi giorni – non s’è presentato a Trigoria nonostante fosse convocato – e dopo il certificato medico mandato per giustificare la sua assenza, possiamo tranquillamente definire conclusa l’esperienza di Karsdorp alla Roma. L’esterno olandese, ovviamente, non è nemmeno partito alla volta del Giappone con la squadra. Insomma, ormai è rottura e non c’è davvero modo per ricucire lo strappo.

L'Inter sfida la Juve: asta in casa Roma
Marotta, amministratore delegato dell’Inter ©LaPresse

Uno strappo avvenuto, come tutti ricordiamo, nei minuti successivi alla fine della sfida contro il Sassuolo quando Mourinho, senza mai fare nomi (ma il nome è uscito immediatamente), ha puntato il dito contro un giocatore della sua rosa. Era appunto Karsdorp, reo di alcuni comportamenti non corretti e reo di essere entrato in campo svogliato.

L’Inter sfida la Juve, Marotta segue la vicenda

L'Inter sfida la Juve: asta in casa Roma
Karsdorp ©LaPresse

Ripercorso quello che è successo, nei giorni successivi si è immediatamente parlato di un interesse della Juve per l’esterno. Poi sono venute fuori le voci del Lione, del Marsiglia, e anche di qualche altro club olandese. Adesso, secondo quelle che sono le informazioni riportato da tuttomercatoweb, ci sarebbe anche l’Inter attenta alle evoluzioni della vicenda che riguarda l’olandese.

Sugli esterni i nerazzurri sembrerebbero pronti a degli innesti.  Soprattutto a sinistra, visto che Gosens sembra in uscita, ma anche a destra, a quanto pare, Simone Inzaghi vorrebbe qualche rinforzo. Anche perché fino al momento il solo Dumfries ha giocato, con Bellanova che il campo lo ha visto poco. Insomma, Marotta segue la situazione Karsdorp e questo è sicuramente un bene per Pinto che come vi abbiamo spiegato vuole cedere il giocatore, ma lo vorrebbe fare in maniera definitiva e senza darlo in prestito. Ormai tra l’olandese e la Roma è finita.