Roma, Tiago Pinto su Abraham-Dybala: “I soldi non bastano”

Roma, non solo Mourinho, anche Tiago Pinto che è con la squadra in Giappone ha rilasciato delle dichiarazioni. Ecco i suoi retroscena

Come sappiamo la Roma è in Giappone dove domani affronterà la prima delle due amichevoli in programma della sua tournée. E ha parlato anche Tiago Pinto, che è con la squadra. Qui invece potete leggere tutte le dichiarazioni di José Mourinho.

Roma, Tiago Pinto su Abraham-Dybala: "I soldi non bastano"
Dybala e Abraham ©LaPresse

Il gm, comunque, ha rivelato alcuni momenti importanti che hanno portato nella Capitale non solo lo Special One, ma anche Dybala e Abraham: probabilmente sono loro tre i migliori colpi del giovane dirigente portoghese approdato in città sei mesi dopo l’arrivo dei Friedkin. Era gennaio, pochi lo conoscevano. Ma immediatamente ha dimostrato di sapere fare e anche bene il proprio lavoro. Ecco le sue parole rilasciate al Foreign Correspondents Club of Japan.

Roma, i retroscena di Pinto

Roma, Tiago Pinto su Abraham-Dybala: "I soldi non bastano"
Pinto ©LaPresse

Sulla trattative più importanti della sua esperienza in giallorosso, Pinto ha candidamente ammesso che con Mou “è stato facile, anche se la gente non ci crede. Lui è stato convinto dal progetto dei Friedkin e dalla città. E così è stato anche per Dybala e Abraham. Non sono delle persone a cui bastano i soldi” ha rivelato. Insomma, strada in discesa nel momento in cui si è presentato davanti a loro per esporre il progetto della Roma. Questo, ovviamente, anche e soprattutto grazie ai Friedkin: “Se nel calcio ci fossero più famiglie come loro sarebbe meglio – ha spiegato ancora Pinto – loro hanno una visione giusta delle cose e non pensano solamente ai guadagni” ha sottolineato.

Un Pinto in bena di rivelazioni, un Pinto che ha parlato a cuore aperto e che ha tessuto le lodi alla proprietà. Giusto così, è evidente. Il lavoro fatto fino al momento dalla famiglia che ha preso la Roma è sotto gli occhi di tutti.

Infine, giusto sottolinearlo, il gm ha fatto un ulteriore passaggio sul mercato della Roma: “Faremo altro oltre a Solbakken? Senza dubbio teniamo in considerazione l’opinione del nostro allenatore ma anche dei paletti imposti dal FPF. Ma siamo qui in Giappone e non voglio parlare di mercato” ha definitivamente chiuso.