Richarlison alla Roma, ecco cosa è successo

L’attaccante brasiliano, che ha segnato un gran gol al mondiale, ha incrociato il suo cammino con quello della Roma in ottica calciomercato

In questi giorni si sta giocando in Qatar il Mondiale 2022. La Fifa ha deciso di giocare la competizione in inverno viste le alte temperature che il Paese della Penisola Araba tocca in estate. Vista la difficoltà di giocare a luglio a Doha, la Federazione calcistica mondiale ha così imposto lo stop a tutti i campionati professionistici in modo da poter svolgere il torneo da novembre al 18 dicembre, giorno della finale.

Richarlison alla Roma, ecco cosa è successo
Richarlison nella rovesciata contro la Serbia ©LaPresse

In campo ci sono tanti campioni provenienti da ogni continente, con le partite che stanno regalando diverse emozioni inaspettate. Quelle più grandi sono state senza ombra di dubbio le sconfitte di Argentina e Germania rispettivamente contro Arabia Saudita e Giappone. Oltre a questo, però, ci sono anche tante giocate degne di nota, come ad esempio la rovesciata di Richarlison contro la Serbia. L’attaccante del Tottenham, acquistato in estate dagli Spurs per circa 60 milioni, ha siglato la rete più bella del torneo fino ad ora, un grande gesto tecnico fatto di esplosività e tempismo. Come riporta Il Romanista, la strada del brasiliano nel 2017 si era incrociata con quella della Roma.

Calciomercato Roma, Richarlison proposto alla Roma: Monchi disse no

Richarlison alla Roma, ecco cosa è successo
Ramon Monchi, direttore sportivo del Siviglia ©LaPresse

Quell’anno, infatti, il brasiliano aveva 20 anni e giocava con la maglia del Fluminense. Un avvocato-procuratore bussò a Trigoria proprio per proporre il talento ora degli Spurs e ad accoglierlo fu il direttore sportivo di quel tempo: Ramon Monchi. Il ds del Siviglia, però, giudicò l’attaccante non pronto e decise di non prenderlo. Quella mossa, invece, la fece il Watford di Pozzo che lo pagò 12 milioni per poi rivenderlo dopo un anno all’Everton per 40. Dopo tre anni i Toffees sono riusciti a cederlo, ma a quasi 60 milioni di euro ad Antonio Conte.