Serie A, nuovo terremoto: dimissioni immediate e commissariamento

Nuova scossa al campionato italiano nel bel mezzo della sosta Mondiale. Dimissioni immediate in arrivo e commissariamento in vista

Non c’è pace per il campionato italiano, scossa da nuove dimissioni nel pieno della pausa invernale. Il Mondiale in Qatar, che è entrato nella fase finale con i quarti in programma, vedrà la Serie A tornare in campo il 4 gennaio. La stagione del campionato italiano ripartirà dalla sedicesima giornata in calendario, con una novità ufficiale annunciata dal presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini. Nuove dimissioni in vista che scuotono il campionato italiano, ecco l’annuncio in diretta che apre ad un nuovo ribaltone.

Serie A, nuovo terremoto: dimissioni immediate e commissariamento
Banner con Logo Serie A ©LaPresse

Nuove dimissioni in vista durante la sosta invernale in Serie A. Nei giorni scorsi il campionato italiano era stato scosso dal caso Juventus, con i vertici societari bianconeri dimessi in blocco. Oltre al CDA della società torinese anche il presidente Andrea Agnelli ha presentato le proprie dimissioni. Sullo sfondo c’è la lente d’ingrandimento della Procura, che sta analizzando diversi filoni d’inchiesta sulla società bianconera. Giorni dopo, arriva un annuncio su nuove dimissioni in arrivo, che coinvolgono i vertici dell’Associazione Italiana Arbitri.

TV PLAY| Ribaltone in Serie A: dimissioni Trentalange e commissariamento AIA

In diretta sulla TV PLAY a calciomercato.itMarco Giordano ha anticipato il nuovo ribaltone in arrivo in Serie A.  Alfredo Trentalange si sta per dimettere dalla presidenza dell’Associazione Italiana Arbitri. Trentalange venne eletto presidente dell’AIA a gennaio 2021 d ora sta per lasciare dopo uno scandalo penale.

Serie A, nuovo terremoto: dimissioni immediate e commissariamento
Il presidente dell’AIA Alfredo Trentalange ©LaPresse

Il numero uno degli arbitri in Italia lascia in seguito al polverone scatenato dal caso “D’Onofrio”. Il presidente dell’AIA sta dunque per presentare delle dimissioni che sembrano davvero inevitabili vista la portata del caso. Secondo quanto riferito da Giordano in oltre si andrebbe verso il commissariamento della stessa AIA. Il nome scelto dovrebbe portare a Nicola Rizzoli, ex fischietto italiano della sezione di Bologna classe 1971.