Calciomercato Roma, 20 milioni in fumo: Pinto cambia strategia

Calciomercato Roma, Pinto deve cambiare strategia. Ecco la strada per la svolta e l’addio già a gennaio.

Come sovente evidenziato, ai piani alti di Trigoria si sta in questa fase valutando con una certa attenzione una rosa di questioni e aspetti che dovranno necessariamente rappresentare le priorità per il club giallorosso. Contro ogni aspettativa, quest’ultimo ha affrontato nella prima parte di campionato molte più difficoltà di quanto ci si aspettasse.

Calciomercato Roma
Tiago Pinto ©LaPresse

Gli infortuni di Dybala e Wijnaldum rientrano certamente in questo discorso e potrebbero rappresentare anche una sorta di alibi per giustificare le plurime asperità di cui appena detto. Non bastano però le due importanti assenze per trovare la ragione principale dell’involuzione palesata dalla rosa nell’ultimo periodo. Ciononostante, la fiducia per il futuro continua a rimanere elevata, così come l’attenzione di addetti ai lavori ben consapevoli di dover intervenire su plurimi aspetti nelle prossime settimane.

Calciomercato Roma, Pinto deve cambiare strategia: le ultime su Shomurodov

Alle tante voci riguardanti i limiti tecnici della squadra, si sono infatti aggiunte ultimamente quelle concernenti altri aspetti che mai si credeva poter essere scandagliati in questa fase. Sullo sfondo resta sempre lo scenario Karsdorp, in parte rientrato nelle ultime settimane ma comunque non ancora chiarissimo.

Calciomercato Roma
Eldor Shomurodov ©LaPresse

Resta poi vivida l’attenzione sul fronte futuro Mourinho, soprattutto dopo il concreto interesse del Portogallo per il suo approdo sulla panchina iberica. Dopo l’esonero di Santos la Federazione ha individuato in José un possibile candidato per il ruolo di nuovo CT. Come evidenziato da “La Gazzetta dello Sport” e come da poco raccontatovi, però, il futuro di Mourinho nella Capitale dipende dalla gestione di alcune priorità e necessità.

Tra queste, rientra certamente anche quella inerente lo sfoltimento di una rosa contante ancora diversi esuberi. Tra questi, certamente anche un Eldor Shomurodov rappresentante un investimento non proprio felicissimo della fase Pinto-Mourinho. A Trigoria sanno bene che nessuno potrà mai garantire i 20 milioni sborsati nelle casse del Genoa quasi due anni fa ma sono altrettanto consapevoli che il passare del tempo rischia di complicare ulteriormente la situazione.

Per tale motivo, la Rosea ha prospettato l’individuazione di una cessione che parta da un prestito (se oneroso ancora meglio) con diritto di riscatto, trasmutantesi poi in obbligo al verificarsi di determinate circostanze. La speranza è che le interessate (che continuano a non mancare) decidano di puntare seriamente sull’uzbeko, bravo solamente a tratti alterni a esprimere un potenziale felicemente sciorinato in Liguria e che la giusta fiducia potrebbe permettere nuovamente di rivelare. Per la felicità di tutti.