Terremoto prima della Roma, rottura col Milan: niente firma

Terremoto in casa Milan prima della sfida contro la Roma. Rottura consumata in casa rossonera, non c’è stata la firma. 

La ripartenza stagionale in Serie A è sempre più vicina. Ultimo test amichevole per la Roma di José Mourinho, che in una Trigoria blindata da sguardi indiscreti ha affrontato la Viterbese. La squadra giallorossa si è imposta per 3-1 nei confronti della compagine laziale, che attualmente milita in Serie C. La ripartenza in Serie A è fissata al 4 gennaio, quando la Roma ospiterà il Bologna di Thiago Motta. Dopo sarà il momento di preparare la sfida in casa del Milan di Stefano Pioli.

Terremoto prima della Roma, rottura col Milan: niente firma
Stefano Pioli, allenatore del Milan ©LaPresse

Solo cinque giornate separano la Serie A dalla ripartenza stagionale. Il campionato italiano riprenderà il suo cammino dalla sedicesima giornata in calendario. La Roma, in uno stadio Olimpico ancora una volta sold-out, attende il Bologna di Thiago Motta. In seguito sarà la volta del primo big match del 2023, la trasferta in casa del Milan. Il campionato italiano si infiamma anche in ottica calciomercato, ed in casa rossonera c’è uno scenario che fa tremare il tecnico Stefano Pioli.

Terremoto Milan prima della Roma, salta la firma di Giroud

La squadra rossonera tornerà per prima in campo il 4 gennaio, scendendo nel lunch match in casa della Salernitana. Domenica sera poi l’appuntamento col big match di San Siro, il posticipo della diciassettesima giornata vedrà la Roma ospite del Milan. In casa rossonera non è arrivata la firma attesa in attacco.

Terremoto prima della Roma, rottura col Milan: niente firma
Olivier Giroud ©LaPresse

Secondo quanto sottolineato da Calciomercato.it c’è stata la fumata nera intorno al rinnovo di Olivier Giroud. L’attaccante francese, con il contratto in scadenza a giugno, si è messo in mostra anche nella vetrina Mondiale in Qatar. Secondo quanto riferito dal portale però l’incontro tra entourage del calciatore e società rossonera si è concluso in un nulla di fatto. L’offerta del Milan si aggirerebbe sui 3.2 milioni di euro per un biennale ed è considerata bassa dallo staff del calciatore. Entro il 10 gennaio ci sarà un nuovo incontro per risolvere la faccenda, Stefano Pioli rischia di perdere a zero il suo terminale offensivo finora più letale.