Roma, Watts e Barnaba scalano posizioni all’interno del club

Roma, nella fase di ricostruzione della società giallorossa, si stanno facendo largo Marc Watts e Alessandro Barnaba, che sono già gli uomini più fidati dei Friedkin

calciomercato Roma
@Getty Images

E’ stato chiaro sin dall’inizio che l’avvento al timone della Roma da parte dei Friedkin avrebbe portato delle novità in casa giallorossa. I nuovi proprietari sono al lavoro per cercare di costruire una società che possa essere più organizzata e vincente possibile.

Questa strada porta inevitabilmente a dei cambiamenti non solo dal punto di vista strettamente tecnico, ma anche e soprattutto in quello societario. In questa direzione già qualcosa ha iniziato a muoversi. Nelle scorse settimane Mauro Baldissoni ha lasciato la carica di vicepresidente e, dopo il pasticciaccio di Verona, anche il segretario generale Pantaleo Longo ha abbandonato il suo ruolo.

In questa fase di ricostruzione i Friedkin sembrano avvalersi dell’aiuto di due persone in particolare, che stanno ricoprendo il ruolo di aiutanti fidati dei texani.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, sfuma una ipotesi nel ruolo di ds

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, infortunio Pastore: tutti gli scenari

Roma, Watts e Barnaba attivi nella scelta del ds

Calciomercato Roma
Ralf Rangnick (Getty Images)

Secondo quanto riportato da romapress.net infatti, i due uomini di fiducia dei nuovi proprietari giallorossi, sarebbero Marc Watts e Alessandro Barnaba. Il primo è l’amministratore delegato di “The Friedkin Group”, e ormai da tempo è uno dei più stretti collaboratori di Dan Friedkin. Il suo ruolo è già stato fondamentale nelle trattative che hanno portato a Roma i difensori Chris Smalling e Marash Kumbulla. Il secondo invece, è un banchiere romano che ha lavorato per quasi 25 anni con JP Morgan, multinazionale americana di servizi finanziari.

Entrambi inoltre, starebbero avendo un ruolo di primo piano nella scelta del prossimo direttore sportivo giallorosso. Watts avrebbe partecipato anche ai colloqui avvenuti con Ralf Rangnick, che rientravano sempre nell’ambito della ricerca di un nuovo ds.