Caos Nazionali, Gravina: “Brutta figura per l’Italia, possibili sanzioni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:35
Gabriele Gravina
@getty images

NOTIZIE CALCIO CASO CONVOCAZIONI NAZIONALI – Dopo la lista diramata dai vari CT per le convocazioni valide per le prossime sfide delle nazionali, la Roma ha reso noto nella giornata di ieri che i calciatori giallorossi non avrebbero potuto raggiungere le rispettive nazionali. Non solo i capitolini però sono stati bloccati dalla Asl di riferimento, ma anche altre squadre.

LEGGI ANCHE –> Voti Genoa-Roma 1-3, super Mkhitaryan. Mayoral non pervenuto

LEGGI ANCHE –> Roma, i numeri lo confermano: il lavoro a Trigoria paga

Caos Nazionali, Gravina non ci sta

“Sono preoccupato per il mancato coordinamento di alcune Asl, perché la mancata disponibilità di calciatori a livello internazionale comporta delle sanzioni. Ci siamo mossi con i ministri competenti. L’Italia da questo punto di vista non sta facendo una bella figura internazionale”, questo è il commento del presidente Figc, Gabriele Gravina, a margine proprio del consiglio federale.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato Roma, un osservato speciale in Europa League

Gravina sul caos tamponi e sul campionato

“Siamo l’unica federazione in Europa che ha problemi di questo tipo”, ha aggiunto il numero uno della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Il presidente della Figc ha poi confermato come la mancanza di uniformità sulle procedure e sul processo relativo ai vari tamponi, rechi un danno evidente al calcio italiano. Infine ha parlato anche dei possibili Piani B e C per la chiusura del campionato, qualora la situazione in Italia dovesse precipitare per quanto riguarda la pandemia: “Li teniamo per noi, ci sono confronti costanti e continui con le diverse leghe e ipotesi alternative in base alle possibilità, che ci presenterebbe il calendario”.