Calciomercato Roma, clamoroso scambio con l’Inter | La situazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
paulo fonseca
Paulo Fonseca @getty images

Periodo tutt’altro che semplice in casa giallorossa, alta tensione a Trigoria, nonostante il doppio colpo in arrivo sul fronte calciomercato: Reynolds dal Dallas FC e Stephan El Shaarawy. Intanto la settimana post derby, quella che ha visto l’uscita di scena dagli ottavi di Coppa Italia contro lo Spezia e quella che ha portato ad oggi, giorno in cui i giallorossi di Paulo Fonseca affronteranno di nuovo la compagine di Vincenzo Italiano, è stata ricca di notizie e di colpi di scena.

LEGGI ANCHE –> Roma, è mercato anche per i dirigenti: si lavora per i sostituti

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Roma, Dzeko ha già cambiato | Le ultime da Trigoria

Calciomercato Roma, Inter e Juventus su Dzeko

Roma
Dzeko incontrerà a Trigoria il piccolo tifoso David (getty images)

La situazione Edin Dzeko tiene banco in casa Roma. Il giocatore ufficialmente non convocato per una botta presa nella partita di martedì scorso, ormai non ha quasi più rapporto con il tecnico portoghese che ha deciso di metterlo da parte, almeno per il momento, visto che è in bilico anche lo stesso futuro di Fonseca. Intanto come riportato dall’edizione odierna del ‘Corriere della Sera’, la Juventus continua a seguire la sua situazione, ma non ci sono soltanto i bianconeri. Anche l’Inter infatti potrebbe sfruttare l’occasione e preparare un nuovo assalto.

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Roma, per Dzeko si riapre una pista inglese: contatti in corso

Calciomercato Roma, scambio Eriksen Dzeko

L’ultima ipotesi è quella di uno scambio che l’Inter potrebbe proporre alla Roma tra Christian Eriksen, con il danese ormai fuori da tutti i progetti nerazzurri. L’ipotesi più suggestibile è quella di uno scambio di prestiti fino a giugno col bosniaco. Il centrocampista prende 9 milioni di euro mentre il bosniaco 7, ma nonostante l’idea degli intermediari e gli ingaggi non troppo distanti i giallorossi sembrano intenzionati a dire di no per non far crescere ulteriormente la spesa per gli stipendi.