Fiorentina-Roma, conferenza Fonseca | La risposta alla critiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40
paulo fonseca
@getty images

Il tecnico giallorosso Paulo Fonseca ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Fiorentina-Roma, gara valida per la 25esima giornata di Serie A. Il primo tema affrontato dall’allenatore portoghese è il problema sulla fase difensiva e i tanti gol subiti: “La squadra ha sofferto più del previsto, è la verità. Penso che dobbiamo capire una cosa, quello che è l’organizzazione della squadra. Se vediamo l’ultima partita, quante volte il Milan ha creato situazioni pericolose con la loro situazione offensiva? Siamo noi che creiamo i nostri problemi, e non in organizzazione difensiva, ma perdiamo la palla in zone pericolose, lì il Milan ha creato. Questo è successo anche nelle altre partite, è un problema di decisioni, di perdita di palloni in fase di costruzione ed altre cose. Dobbiamo capire se con la pressione puoi giocare in quel modo il pallone o no, ma non è un problema di organizzazione difensiva”. Kumbulla e Smalling dal primo minuto? Kumbulla è pronto e giocherà, Smalling sarà convocato ma non è nella miglione condizione fisica per giocare 90 minuti”.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Fiorentina-Roma: Andreini su De Rossi, Vlahovic, Sarri e Pezzella

LEGGI ANCHE >>> Fiorentina-Roma, Fonseca ha deciso: si cambia la formazione

Fonseca sul turnover, Mayoral e Pau Lopez

Calciomercato Roma,
Pau Lopez ©Getty Images

Con tre partite in sei giorni domani potrebbero cambiare le scelte di Fonseca: Domani Borja Mayoral giocherà. E’ vero che abbiamo avuto tante partite, e qui abbiamo gestito questo con le partite di Europa League, ma con l’emergenza in difesa è difficile gestire Karsdorp, Spinazzola, Bryan e Mancini, ma gli altri stanno tornando adesso. In questa partita cambieremo 2 o 3 giocatori, non Pau Lopez”. Poi si sofferma proprio sul giovane attaccante spagnolo arrivato in estate dal Real Madrid: Il calcio italiano è difficile per tutti gli attaccanti. Borja è un giovane che sta imparando e migliorando. I suoi numeri sono buoni, il problema è che se Borja segna va tutto bene, se non segna va tutto male ed è la responsabilità di un giocatore. Lo stesso vale per gli altri attaccanti, se Dzeko segna va tutto bene, non possiamo vedere le cose così”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, pronta in estate l’asta per il bomber francese

A proposito di Pau Lopez e gli errori commessi in fase di costruzione, Fonseca risponde così: “Per me è importante che il portiere giochi con la squadra, la differenza è quando possiamo giocare e quando non possiamo giocare. Se la squadra ha una forte pressione, in un momento così non si può rischiare. In questo caso Pau Lopez ha sbagliato il passaggio, non avevamo la pressione, ha sbagliato il passaggio e loro hanno fatto il gol, ma qui è stato un errore di Pau Lopez, ma stiamo lavorando tutti i giorni per migliorare la questione. E’ sempre lo stesso problema, che iniziamo a giocare da dietro, ma qui abbiamo sbagliato più di quello che potevamo sbagliare, ma la squadre crea tante situazioni di attacco quando imposta la palla.

Indentità di squadra e condizione Roma

“Tutte le squadre hanno un’identità – ha proseguito il portoghese – vediamo le squadre che sono più forti in Italia, ne abbiamo 7 e siamo quinti. Tutti hanno un’indentità o no? Tutti cambiano il modo di giocare? Non mi sembra, Milan, Lazio, Atalanta, Napoli e Juve non cambiano identità. Quello che cambia è la strategia di ogni partita. Posso fare un esempio, noi siamo una squadra che pressa alto, l’identità non cambia, se vogliamo avere più profondità, se vogliamo uscire più veloci, ma l’identità della squadra non cambia. Oggi il tempo per lavorare è poco, non ci sono tempi per cambiare, anche il modulo, è diverso dal cambiare l’identità, che può essere la stessa in diversi moduli. Come sta la squadra? Ha reagito sempre bene dopo le sconfitte e questo è positivo. La squadra non è entrata in depressione. Domani possiamo vincere, perdere o pareggiare, ma quello che ho visto è che la squadra ha capito quello che non abbiamo fatto bene. E’ una squadra pronta a lottare per la partita di domani”.