Rinvio Juve-Napoli: la risposta della Lega alla Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:36

Rinvio Juve-Napoli, la Lega ha risposto alla lettera che i giallorossi hanno inviato nella serata di ieri. I dettagli

Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A (Getty Images)

Saranno giornate ricche di polemiche. Sicuramente. Come detto la Roma, ieri sera, ha inviato una lettera alla Lega per capire i motivi dell’ulteriore rinvio di Juve-Napoli. La società giallorossa si è sentita non tutelata in questo momento così importante della stagione. Il Napoli nel mezzo della prossima settimana non giocherà, e potrà preparare bene lo scontro diretto di domenica prossima, mentre i giallorossi saranno impegnati in Ucraina nel ritorno degli ottavi di finale di Europa League.

Una situazione che crea vantaggio agli azzurri allenati da Gattuso, e la Roma ha deciso di passare alle vie formali. Spinta anche dal polverone che s’è alzato in rete: “Rinviate Roma-Napoli” hanno chiesto a gran voce i giallorossi. E per tutto il giorno è stato in trend topic su twitter.

LEGGI ANCHE: Parma-Roma, le probabili formazioni dei quotidiani sportivi

LEGGI ANCHE: Rinvio Juve-Napoli, lettera della Roma alla Lega | Ecco le richieste giallorosse

Rinvio Juve-Napoli, la risposta della Lega

Rinvio Juve-Napoli, lettera della Roma alla Lega
Agnelli e De Laurentiis ©Getty Images

Lo spostamento di Juve-Napoli, ha fatto sapere la Lega alla Roma, è stato fatto nel pieno rispetto delle norme. E, si è anche puntualizzato, che non sono previsti ricorsi per quanto riguarda la formulazione del calendario. In poche parole, rimarrà tutto come adesso. Roma-Napoli si giocherà alla fine della prossima settimana, mentre quella tra i bianconeri e gli azzurri a inizio aprile.

Rimane il fatto, però, che la Roma ha sicuramente avuto le sue buone ragioni per inviare la missiva e chiedere lumi. Il calendario, fitto in questo modo, oltre a poter falsare anche il campionato, mette evidentemente a rischio la salute dei calciatori. E i giallorossi hanno subito molti guai muscolari in questa stagione, dovuti, anche, alle continue sollecitazioni. Ma tant’è, lo spettacolo deve andare avanti.