Calciomercato Roma, futuro in mano a Tiago Pinto | Due strade per la panchina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Si inizia sin da ora a pensare al futuro della Roma, con tanti dubbi e poche certezze: tutto è in mano a Tiago Pinto, anche per la panchina

Calciomercato Roma
Il general manager della Roma Tiago Pinto

Il cambio di proprietà della Roma sembra ancora non aver dato frutti sul campo. Infatti rispetto ad un anno fa la situazione è più o meno la stessa. Roma quinta in campionato con solo due punti in più rispetto alla scorsa stagione. Domenica arriva il Napoli, partita fondamentale per la corsa Champions ma anche per il futuro di Paulo Fonseca.

La pressione in casa Roma si fa sentire e lo dimostrano gli ultimi attacchi all’arbitraggio e alla Lega da parte di allenatore e società. Una situazione caotica che rimane in mano a Tiago Pinto, general manager giallorosso, che dovrà decidere a fine stagione le sorti del tecnico portoghese sulla panchina romanista. I nomi per il futuro però sembrano non essere solo quelli di Allegri e Sarri.

Leggi anche >>> Roma, ultimo treno Champions | Col Napoli il crocevia della stagione

Leggi anche >>> Caso Diawara, arrivata la sentenza per Verona-Roma

Calciomercato Roma, non solo Allegri e Sarri per la panchina: c’è un’altra lista di allenatori

Calciomercato Roma, Allegri
Allegri, qui con Gautieri e Sarri (getty images)

Il futuro di Paulo Fonseca sulla panchina della Roma è sempre più in bilico. La condizione necessaria per la sua permanenza è la qualificazione alla prossima Champions League, e una buona fetta per non perdere le speranze passa dal match di domenica contro il Napoli.

Come riporta il ‘Corriere dello Sport’, Tiago Pinto è al corrente del fatto che senza quarto posto sostenere una conferma di Fonseca è quasi impossibile, così si lavora già al futuro. I nomi in pole per la panchina continuano ad essere quelli di Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri, con il primo al momento preferito. Ma Charles Gould, consulente di Ryan Friedkin, sembrerebbe aver pronta una lista di allenatori stranieri. Dunque due vie per il futuro della Roma che ovviamente dovranno coincidere con le possibilità della società, il cui bilancio è stato chiuso con 202 milioni di perdite. Inoltre si spera che non si proceda con il sacrificio di qualche top player a fine stagione per risanare i conti.