Sassuolo-Roma, i dubbi di formazione di Fonseca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49

Sassuolo-Roma è il match che domani pomeriggio attende la squadra di Paulo Fonseca in serie A, con la speranza di trovare i tre punti nell’uovo di Pasqua.

Sassuolo-Roma
Fonseca (Getty Images)

Inutile sottolineare l’importanza di una partita che la Roma dovrà cercare di vincere a tutti i costi. Il quarto posto ancora non è lontanissimo e bisogna provare con tutte le energie ad agguantarlo. Di sicuro l’allenatore portoghese è alle prese con problemi di formazione per questa partita, considerando le tante assenze in difesa. Out gli infortunati Smalling, Mkhitaryan, Kumbulla e Zaniolo. Non ci saranno Ibanez e Villar che sono squalificati e Fonseca dovrà comunque tener conto anche che giovedì si giocherà un match molto importante in Europa League contro l’Ajax. La gestione delle energie sarà fondamentale in questo mese di aprile visto l’intenso tour de force che attende la rosa giallorossa.

LEGGI ANCHE –>Roma, il debito è monstre: i dettagli di una crisi incredibile

LEGGI ANCHE –>Calciomercato Roma, sarà rivoluzione tra i pali: tutti i movimenti

Sassuolo-Roma, la chiave per capire la formazione sarà il terzo centrale

rick karsdorp
@getty images

E allora chi giocherà contro il Sassuolo? Fonseca qualche indicazione l’ha data nella conferenza stampa della vigilia. Sicuri titolari saranno Pau Lopez e Cristante. Dunque davanti al portiere spagnolo ci saranno sicuramente Mancini e il già citato Cristante. E il terzo uomo chi sarà? Due le alternative: l’arretramento di uno tra Karsdorp e Spinazzola oppure l’inserimento di Fazio dal primo minuto. Con la prima opzione Bruno Peres sarebbe titolare a centrocampo, mentre con la seconda opzione gli esterni sarebbero Karsdorp (squalificato contro l’Ajax) e Spinazzola. Nessuna alternativa in mediana, sarà arretrato Pellegrini con Diawara. In attacco Fonseca non ha sciolto il ballottaggio Mayoral-Dzeko, ma è lo spagnolo che ha più chance di giocare. E una opportunità potrebbero averla dal primo minuto anche Carles Perez (in ballottaggo con Pedro) e El Shaarawy. Nodi che probabilmente saranno sciolti solo poco prima del fischio d’inizio.